Senato

Abbonamento a feed Senato Senato
Senato della Repubblica - Comunicati di fine seduta
Aggiornato: 39 min 34 sec fa

Mercoledì 4 Ottobre 2017 - 889ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 04/10/2017 - 10:43
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:34

L'Assemblea ha avviato la discussione della Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2017 e della relazione sul piano di rientro verso l'obiettivo di medio periodo, che richiede la maggioranza assoluta.

Il relatore, sen. Guerrieri Paleotti (PD), ha evidenziato due andamenti positivi: l'accelerazione della crescita (la stima del Pil sale all'1,5 per cento) e la diminuzione, lieve ma significativa, del rapporto tra debito pubblico e Pil che passa dal 132 al 131,6 per cento. Il quadro macroeconomico è particolarmente favorevole, sebbene permangano incertezza e rischi geopolitici: l'economia mondiale si è rafforzata, soprattutto in conseguenza delle politiche monetarie espansive e non convenzionali, ma la dinamica di crescita dell'Italia è più lenta, inferiore alla media europea; inoltre, il previsto rallentamento, a livello europeo e internazionale, nel 2019 richiede interventi per una crescita più elevata. La prossima manovra di bilancio sarà di circa 20 miliardi, gran parte dei quali serviranno a sterilizzare gli aumenti dell'Iva (15,6 miliardi). Circa 10 miliardi verranno dal maggior deficit programmato nel 2018, i restanti dieci da interventi sulla spesa e sulle entrate (tagli ai ministeri e all'amministrazione centrale e una stretta all'evasione fiscale). Le risorse reperite saranno concentrate su pochi obiettivi: rilancio degli investimenti pubblici e privati, sgravi contributivi per sostenere l'occupazione giovanile, misure di contrasto alla povertà. Nella Nota di aggiornamento l'indebitamento programmatico netto nel 2018 è pari all'1,6 per cento rispetto al 2,1 del 2017 grazie alla ripresa ciclica e alla riduzione della spesa per interessi; il Governo programma di accrescere l'indebitamento netto di oltre 0,5 punti rispetto all'andamento tendenziale e di rinviare il pareggio strutturale al 2020. Pur riconoscendo la necessità di fare di più per accelerare crescita e occupazione e rilanciare nel medio periodo la produttività, il relatore ha ricordato che a ottobre cesserà l'acquisto di titoli da parte della BCE: di qui la necessità di bilanciare sostenibilità fiscale e ripresa, mantenendo in sicurezza i conti pubblici, anche in vista del negoziato sul ripensamento dell'integrazione europea, che si aprirà dopo le elezioni tedesche.

Martedì 3 Ottobre 2017 - 888ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mar, 03/10/2017 - 17:30
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:31

L'Assemblea ha approvato, con un nuovo titolo, il ddl n. 302 sull'inclusione sociale delle persone sorde, il superamento delle barriere comunicative e il riconoscimento della lingua italiana dei segni. Il testo passa alla Camera dei deputati.

Il provvedimento, nel nuovo testo proposto dalla Commissione affari costituzionali, consta di 14 articoli che riconoscono e tutelano i diritti delle persone sorde e la libertà di scelta sulle modalità di comunicazione e i percorsi formativi; promuovono l'inclusione scolastica e lavorativa delle persone sorde; la prevenzione, l'identificazione precoce, la cura della sordità e della sordocecità ; i servizi di interpretariato della lingua italiana dei segni; favoriscono l'accesso all'informazione, agli spazi pubblici e privati, ai rapporti con la pubblica amministrazione, al patrimonio storico, artistico, culturale; istituiscono l'osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità; prevedono il monitoraggio sull'attuazione della legge e la clausola di invarianza finanziaria.

Lo scorso 18 maggio l'Assemblea ha rinviato il provvedimento in Commissione per approfondire i profili di copertura finanziaria. Nella seduta del 28 settembre il ddl è tornato in Aula: il relatore, sen. Russo (PD) ha precisato che il ddl è volto a riconoscere i diritti di cittadinanza di tutte le persone sorde e ha depositato alcuni emendamenti.

Nella seduta odierna, respinta la questione pregiudiziale avanzata dalla sen. Rizzotti (FI-PdL), è iniziata la discussione generale, alla quale hanno preso parte i sen. Maria Rizzotti, Mario Mauro (FI-PdL), Consiglio (LN), Panizza (Aut) e Manuela Serra (M5S). Le opposizioni hanno criticato la clausola di invarianza finanziaria, rilevando che la legge si limita ad enunciare principi: in mancanza di risorse,i diritti non sono garantiti. Il relatore, in replica, ha ricordato che il Parlamento ha cercato faticosamente una sintesi tra le diverse posizioni espresse dalle associazioni. La Sottosegretaria di Stato per le politiche sociali Biondelli ha posto l'accento sull'ampliamento dell'oggetto del ddl, che non si limita al riconoscimento della LIS, e sull'obiettivo di rendere omogenea l'attività delle amministrazioni coinvolte. All'articolo 1 sono stati approvati gli emendamenti 1.100 delle sen. Granaiola e Dirindin (Art.1-MDP) e 1.300 del relatore. All'articolo 3 sono stati approvati gli emendamenti 3.102 delle sen. Dirindin e Granaiola (Art.1-MDP) e 3.300 del relatore sull'accessibilità agli strumenti e ausili informatici. All'articolo 4 è stato approvato l'emendamento 4.106 delle sen. Dirindin e Granaiola (Art.1-MDP). All'articolo 11 è stato approvato l'emendamento 11.300 del relatore, all'articolo 13 l'emendamento 13.100 delle sen. Granaiola e Dirindin (Art.1-MDP). E' stato approvato, infine, l'emendamento del relatore che modifica il titolo del ddl in "Legge quadro sui diritti di cittadinanza e sull'inclusione sociale delle persone sorde, con disabilità uditiva in genere e sordocieche".

Con diversi accenti hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Consiglio (LN), Liuzzi (GAL), Mazzoni (ALA), Manuela Granaiola (Art.1-MDP), Palermo (Aut), Laura Bianconi (AP) e Stefania Giannini (PD). Hanno annunciato l'astensione i sen. Di Giacomo (FL),Alessia Petraglia (SI-Sel), Manuela Serra (M5S) e Maria Rizzotti (FI-PdL).

Martedì 3 Ottobre 2017 - 888ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mar, 03/10/2017 - 17:30
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:31

L'Assemblea ha ripreso l'esame del nuovo testo proposto dalla Commissione affari costituzionali del ddl n. 302 e connessi sull'inclusione sociale delle persone sorde e il riconoscimento della lingua italiana dei segni.

Il provvedimento consta di 14 articoli che riconoscono e tutelano i diritti delle persone sorde e la libertà di scelta sulle modalità di comunicazione e i percorsi formativi; promuovono l'inclusione scolastica e lavorativa delle persone sorde, nonché la prevenzione, l'identificazione precoce e la cura della sordità e della sordocecità; favoriscono l'accesso all'informazione, agli spazi pubblici e privati, ai rapporti con la pubblica amministrazione, al patrimonio storico, artistico, culturale; prevedono il monitoraggio sull'attuazione della legge e la clausola di invarianza finanziaria.

Lo scorso 18 maggio l'Assemblea ha rinviato il provvedimento in Commissione per superare i problemi di copertura finanziaria. Nella seduta del 28 settembre il ddl è tornato in Aula: il relatore, sen. Russo (PD) ha precisato che il ddl è volto a riconoscere i diritti di cittadinanza di tutte le persone sorde e ha depositato alcuni emendamenti. Ha ricordato, inoltre, che l'Italia è l'ultimo Paese in Europa a riconoscere la lingua italiana dei segni e che il Parlamento ha faticato a trovare una sintesi tra le diverse posizioni espresse dalle associazioni nelle audizioni.

Nella seduta odierna, respinta la questione pregiudiziale avanzata dalla sen. Rizzotti (FI-PdL), è iniziata la discussione generale, alla quale hanno preso parte i sen. Maria Rizzotti, Mario Mauro (FI-PdL), Consiglio (LN), Panizza (Aut) e Manuela Serra (M5S). Le opposizioni hanno criticato la clausola di invarianza finanziaria, rilevando che, in mancanza di risorse, si tratta di una mera legge di principi, molti dei quali già sanciti da norme vigenti. La Sottosegretaria di Stato per le politiche sociali Biondelli ha evidenziato l'ampliamento dell'oggetto del ddl, che non si limita al riconoscimento della LIS, nonché l'obiettivo di rendere omogenea l'attività delle amministrazioni coinvolte.

Giovedì 28 Settembre 2017 - 887ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Gio, 28/09/2017 - 10:14
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:31

L'Assemblea ha approvato in via definitiva il ddl. 2541, Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni,nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni.

Nella seduta pomeridiana di ieri è stato approvato l'articolato, senza modifiche, e sono iniziate le dichiarazioni di voto, che si sono concluse oggi con gli interventi dei sen. Loredana De Petris (SI-Sel), Vilma Moronese (M5S), Piccoli (FI-PdL) e Caleo (PD). Tutti i Gruppi, con accenti diversi, hanno sostenuto il provvedimento, considerato necessario alla sopravvivenza dei piccoli comuni. La maggioranza ha evidenziato il carattere innovativo del ddl, le opposizioni hanno invece espresso rammarico per l'impossibilità di migliorare il testo: la valorizzazione effettiva dei piccoli comuni richiede lo stanziamento di adeguate risorse finanziarie, la semplificazione degli adempimenti, il potenziamento dei servizi, il riequilibrio territoriale.

L'articolo 1 definisce piccoli comuni quelli con popolazione residente fino a 5.000 abitanti. L'articolo 2 reca disposizioni in materia di attività e servizi. L'articolo 3 istituisce un Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale. L'articolo 4 concerne il recupero e la riqualificazione dei centri storici e la promozione di alberghi diffusi mediante interventi integrati pubblici e privati. L'articolo 5 prevede misure volte alla riqualificazione di immobili. L'articolo 6 consente la stipula di intese per l'acquisizione di case cantoniere e la realizzazione di circuiti e itinerari turistico-culturali. L'articolo 7 prevede la possibilità di stipulare convenzioni per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali delle confessioni religiose. L'articolo 8 detta norme per lo sviluppo della rete in banda ultra larga. L'articolo 9 contiene disposizioni relative ai servizi postali e all'effettuazione di pagamenti. L'articolo 10 è volto a garantire la distribuzione dei quotidiani. L'articolo 11 riguarda il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta e l'articolo 12 la realizzazione di mercati agricoli per la vendita diretta. L'articolo 13 riguarda le politiche di sviluppo, tutela e promozione delle aree rurali e montane, mentre l'articolo 14 concerne la promozione cinematografica. L'articolo 15 prevede la predisposizione di un Piano per l'istruzione destinato alle aree rurali e montane. L'articolo 16 contiene la clausola di invarianza finanziaria, mentre l'articolo 17 reca la clausola di salvaguardia per le Regioni a Statuto speciale e le Province autonome.

L'Assemblea ha approvato quattro mozioni e un ordine del giorno sulla candidatura della città di Milano a sede dell'Agenzia europea del farmaco.

Dopo l'illustrazione delle mozioni e dell'ordine del giorno da parte dei sen. Mandelli (FI-PdL), De Biasi (PD), Candiani (LN), Barani (ALA) e Crimi (M5S), e gli interventi in discussione generale dei sen. Orellana (Aut), Floris, Maria Rizzotti (FI-PdL) e Gaetti (M5S), il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Pizzetti ha ringraziato il Parlamento per il sostegno unitario all'attività diplomatica svolta dal Governo a Bruxelles per la scelta di Milano quale sede dell'Agenzia europea del farmaco; ha precisato che la decisione sarà assunta dopo il Consiglio europeo del 19 e 20 novembre; ha accolto infine le mozioni 1-00724 (testo 2) del sen. Mandelli (FI-PdL) e altri e 1-00836 della sen. De Biasi (PD) e altri, mentre ha chiesto modifiche sulle mozioni 1-00837 del sen. Candiani (LN) e altri, 1-00838 del sen. Barani (ALA) e sull'ordine del giorno G1 del sen. Crimi (M5S) e altri. Le modifiche sono state accolte dai presentatori. Hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Serenella Fucksia (FL), Silvana Comaroli (LN), Barani (ALA), Nerina Dirindin (Art.1-MDP), D'Ambrosio Lettieri (GAL), Orellana (Aut), Laura Bianconi (AP), Alessia Petraglia (SI-Sel), Crimi (M5S), Mandelli (FI-PdL) e Bianco (PD).

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl n. 302 e connessi sul riconoscimento della lingua italiana dei segni.

Il relatore, sen. Russo (PD), ha depositato alcuni emendamenti che recepiscono rilievi emersi nella discussione che si è svolta lo scorso 18 maggio. Ha precisato, inoltre, che l'approvazione del ddl è una scelta di civiltà e non un favore ad alcune associazioni. La Presidenza ha fissato alle ore 18 di domani il termine di presentazione dei subemendamenti.

Giovedì 28 Settembre 2017 - 887ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Gio, 28/09/2017 - 10:14
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:31

L'Assemblea ha approvato in via definitiva il ddl. 2541, Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni,nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni.

Nella seduta pomeridiana di ieri è stato approvato l'articolato, senza modifiche, e sono iniziate le dichiarazioni di voto, che si sono concluse oggi con gli interventi dei sen. Loredana De Petris (SI-Sel), Vilma Moronese (M5S), Piccoli (FI-PdL) e Caleo (PD). Tutti i Gruppi, con accenti diversi, hanno sostenuto il provvedimento, considerato necessario alla sopravvivenza dei piccoli comuni. La maggioranza ha evidenziato il carattere innovativo del ddl, le opposizioni hanno invece espresso rammarico per l'impossibilità di migliorare il testo: la valorizzazione effettiva dei piccoli comuni richiede lo stanziamento di adeguate risorse finanziarie, la semplificazione degli adempimenti, il potenziamento dei servizi, il riequilibrio territoriale.

L'articolo 1 definisce piccoli comuni quelli con popolazione residente fino a 5.000 abitanti. L'articolo 2 reca disposizioni in materia di attività e servizi. L'articolo 3 istituisce un Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale. L'articolo 4 concerne il recupero e la riqualificazione dei centri storici e la promozione di alberghi diffusi mediante interventi integrati pubblici e privati. L'articolo 5 prevede misure volte alla riqualificazione di immobili. L'articolo 6 consente la stipula di intese per l'acquisizione di case cantoniere e la realizzazione di circuiti e itinerari turistico-culturali. L'articolo 7 prevede la possibilità di stipulare convenzioni per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali delle confessioni religiose. L'articolo 8 detta norme per lo sviluppo della rete in banda ultra larga. L'articolo 9 contiene disposizioni relative ai servizi postali e all'effettuazione di pagamenti. L'articolo 10 è volto a garantire la distribuzione dei quotidiani. L'articolo 11 riguarda il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta e l'articolo 12 la realizzazione di mercati agricoli per la vendita diretta. L'articolo 13 riguarda le politiche di sviluppo, tutela e promozione delle aree rurali e montane, mentre l'articolo 14 concerne la promozione cinematografica. L'articolo 15 prevede la predisposizione di un Piano per l'istruzione destinato alle aree rurali e montane. L'articolo 16 contiene la clausola di invarianza finanziaria, mentre l'articolo 17 reca la clausola di salvaguardia per le Regioni a Statuto speciale e le Province autonome.

L'Assemblea ha avviato l'esame di mozioni sulla candidatura della città di Milano a sede dell'Agenzia europea del farmaco.

Mercoledì 27 Settembre 2017 - 886ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 27/09/2017 - 16:46
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:33

La Conferenza dei Capigruppo ha approvato modifiche e integrazioni al calendario dei lavori fino al 19 ottobre. Nella seduta antimeridiana del 4 ottobre sarà discussa la Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza 2017; nella seduta pomeridiana del 18 ottobre, alle ore 16, il Presidente del Consiglio dei ministri renderà comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 19 e 20 ottobre. Le sen. De Petris (SI-Sel) e Lo Moro (Art.1-MDP) hanno proposto la calendarizzazione dello ius soli; il sen. Cappelletti (M5S) l'inserimento del ddl per l'abolizione dei vitalizi e della mozione contro la conferma del governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco; il sen. Arrigoni (LN) ha proposto di discutere il ddl presentato dal Gruppo per evitare lo sfratto esecutivo di un'anziana signora rimasta priva di abitazione dopo il terremoto. Le proposte di modifica del calendario sono state respinte. Il sen. Zanda (PD) ha precisato che lo ius soli sarà calendarizzato quando ci sarà una maggioranza certa per la sua approvazione.

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl. 2541, Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni,nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni, già approvato dalla Camera dei deputati.

Nella seduta antimeridiana i relatori, sen. Vaccari (PD) e Mancuso (AP), hanno illustrato i contenuti del provvedimento, che all'articolo 1 definisce piccoli comuni quelli con popolazione residente fino a 5.000 abitanti. L'articolo 2 reca disposizioni in materia di attività e servizi. L'articolo 3 istituisce uno specifico Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale. L'articolo 4 concerne il recupero e la riqualificazione dei centri storici e la promozione di alberghi diffusi mediante interventi integrati pubblici e privati. L'articolo 5 prevede misure volte alla riqualificazione di immobili. L'articolo 6 consente la stipula di intese per l'acquisizione di case cantoniere e la realizzazione di circuiti e itinerari turistico-culturali. L'articolo 7 prevede la possibilità di stipulare convenzioni per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali delle confessioni religiose. L'articolo 8 detta norme per lo sviluppo della rete in banda ultra larga. L'articolo 9 contiene disposizioni relative ai servizi postali e all'effettuazione di pagamenti. L'articolo 10 concerne la distribuzione dei quotidiani. L'articolo 11 riguarda il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta e l'articolo 12 la realizzazione di mercati agricoli per la vendita diretta. L'articolo 13 riguarda le politiche di sviluppo, tutela e promozione delle aree rurali e montane, mentre l'articolo 14 concerne la promozione cinematografica. L'articolo 15 prevede la predisposizione di un Piano per l'istruzione destinato alle aree rurali e montane. L'articolo 16 contiene la clausola di invarianza finanziaria, mentre l'articolo 17 reca la clausola di salvaguardia per le Regioni a Statuto speciale e le Province autonome.

In sede di replica, i relatori hanno riconosciuto che le risorse stanziate non sono cospicue, ma hanno evidenziato il carattere innovativo del ddl, che va inquadrato peraltro in un complesso di provvedimenti (i collegati in materia di ambiente e agricoltura, le leggi sui borghi, sui parchi, sul consumo di suolo).

Approvato l'articolato senza emendamenti, dopo le dichiarazioni di voto dei sen. Arrigoni (LN), Davico (FL), Barani (ALA), Fornaro (Art.1-MDP), Perrone (GAL), Panizza (Aut) e Conte (AP), il seguito delle dichiarazioni e il voto finale sono stati rinviati a domani.

Mercoledì 27 Settembre 2017 - 886ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 27/09/2017 - 16:46
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:35

La Conferenza dei Capigruppo ha approvato modifiche e integrazioni al calendario dei lavori fino al 19 ottobre. Nella seduta antimeridiana del 4 ottobre sarà discussa la Nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza 2017; nella seduta pomeridiana del 18 ottobre, alle ore 16, il Presidente del Consiglio dei ministri renderà comunicazioni in vista del Consiglio europeo del 19 e 20 ottobre. Le sen. De Petris (SI-Sel) e Lo Moro (Art.1-MDP) hanno proposto la calendarizzazione dello ius soli; il sen. Cappelletti (M5S) l'inserimento del ddl per l'abolizione dei vitalizi e della mozione contro la conferma del governatore della Banca d'Italia Ignazio Visco; il sen. Arrigoni (LN) ha proposto di discutere il ddl presentato dal Gruppo per evitare lo sfratto esecutivo di un'anziana signora rimasta priva di abitazione dopo il terremoto. Le proposte di modifica del calendario sono state respinte. Il sen. Zanda (PD) ha precisato che lo ius soli sarà calendarizzato quando ci sarà una maggioranza certa per la sua approvazione.

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl. 2541, Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni,nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni, già approvato dalla Camera dei deputati.

Nella seduta antimeridiana i relatori, sen. Vaccari (PD) e Mancuso (AP), hanno illustrato i contenuti del provvedimento, che all'articolo 1 definisce piccoli comuni quelli con popolazione residente fino a 5.000 abitanti. L'articolo 2 reca disposizioni in materia di attività e servizi. L'articolo 3 istituisce uno specifico Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale. L'articolo 4 concerne il recupero e la riqualificazione dei centri storici e la promozione di alberghi diffusi mediante interventi integrati pubblici e privati. L'articolo 5 prevede misure volte alla riqualificazione di immobili. L'articolo 6 consente la stipula di intese per l'acquisizione di case cantoniere e la realizzazione di circuiti e itinerari turistico-culturali. L'articolo 7 prevede la possibilità di stipulare convenzioni per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali delle confessioni religiose. L'articolo 8 detta norme per lo sviluppo della rete in banda ultra larga. L'articolo 9 contiene disposizioni relative ai servizi postali e all'effettuazione di pagamenti. L'articolo 10 concerne la distribuzione dei quotidiani. L'articolo 11 riguarda il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta e l'articolo 12 la realizzazione di mercati agricoli per la vendita diretta. L'articolo 13 riguarda le politiche di sviluppo, tutela e promozione delle aree rurali e montane, mentre l'articolo 14 concerne la promozione cinematografica. L'articolo 15 prevede la predisposizione di un Piano per l'istruzione destinato alle aree rurali e montane. L'articolo 16 contiene la clausola di invarianza finanziaria, mentre l'articolo 17 reca la clausola di salvaguardia per le Regioni a Statuto speciale e le Province autonome.

Mercoledì 27 Settembre 2017 - 885ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 27/09/2017 - 10:35
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:35

L'Assemblea ha avviato l'esame del ddl. 2541, Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni,nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni, già approvato dalla Camera dei deputati.

Nell'illustrare il provvedimento, il relatore, sen. Vaccari (PD), ha sottolineato la rilevanza dei contenuti, fortemente attesi dai Comuni italiani che, nella maggior parte, sono di piccole dimensioni. L'articolo 1 enuclea le finalità del ddl, che riguarda i Comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti, provvedendo alla definizione di "piccolo Comune". L'articolo 2 reca disposizioni in materia di attività e servizi. L'articolo 3 istituisce un Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale dei piccoli Comuni, per il finanziamento di investimenti per una serie di finalità. L'articolo 4 concerne il recupero e la riqualificazione dei centri storici e la promozione di alberghi diffusi mediante interventi integrati pubblici e privati. L'articolo 5 prevede l'adozione di misure volte all'acquisizione e alla riqualificazione di immobili al fine di contrastare l'abbandono di terreni e di edifici in stato di abbandono o di degrado. L'articolo 6 consente la stipula di intese per l'acquisizione di case cantoniere e la realizzazione di circuiti e itinerari turistico-culturali. L'articolo 7 prevede la possibilità di stipulare convenzioni con diocesi della Chiesa cattolica e con altre confessioni religiose per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali, storici, artistici e librari degli enti ecclesiastici o degli enti delle confessioni religiose civilmente riconosciuti. L'articolo 8 detta norme per lo sviluppo della rete in banda ultra larga.

Il relatore, sen Mancuso (AP), ha illustrato la restante parte del provvedimento. L'articolo 9 contiene disposizioni relative ai servizi postali e all'effettuazione di pagamenti. L'articolo 10 concerne l'adozione di iniziative volte a garantire la distribuzione dei quotidiani anche nei piccoli Comuni. Ai sensi dell'articolo 11, i piccoli Comuni potranno promuovere il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta o a chilometro utile. Secondo quanto previsto dall'articolo 12, essi destineranno specifiche aree per la realizzazione dei mercati agricoli per la vendita diretta. L'articolo 13 reca disposizioni in materia di attuazione delle politiche di sviluppo, tutela e promozione delle aree rurali e montane, mentre l'articolo 14 concerne la programmazione di iniziative finalizzate alla promozione cinematografica in favore dei piccoli Comuni. L'articolo 15 prevede la predisposizione di un Piano per l'istruzione destinato alle aree rurali e montane. L'articolo 16 contiene la clausola di invarianza finanziaria, mentre l'articolo 17 dispone che nei confronti delle Regioni a Statuto speciale e delle Province autonome di Trento e di Bolzano le disposizioni del ddl trovino applicazione compatibilmente a quanto previsto dai rispettivi statuti.

Nella discussione generale sono intervenuti i sen. Laura Cantini, Laura Puppato, Stefania Pezzopane, Angelica Saggese, Laura Fasiolo, Leana Pignedoli, Astorre (PD), Candiani, Divina, Centinaio (LN), Morra, Cioffi (M5S), Ceroni, Malan (FI-PdL), Uras, Maria Mussini (Misto), Perrone (GAL) e Orellana (Aut). Secondo le opposizioni, pur essendo il ddl animato dalle migliori intenzioni, lungi dal valorizzare un patrimonio che caratterizza l'identità del nostro Paese, la mancanza di risorse certe e di semplificazione burocratica, unitamente ai tagli operati negli anni, porterà i piccoli Comuni al dissesto. La maggioranza ha invece espresso soddisfazione per una norma che, anche grazie ad uno stanziamento economico di ampio respiro, mira a promuovere lo sviluppo economico, sociale, ambientale e culturale dei piccoli Comuni, che ritornano al centro del dibattito politico quale risorsa per l'Italia del futuro.

Il seguito dell'esame del ddl è rinviato alla seduta pomeridiana.

Mercoledì 27 Settembre 2017 - 885ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 27/09/2017 - 10:35
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:35

l'Assemblea ha avviato l'esame del ddl. 2541, Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni,nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni, già approvato dalla Camera dei deputati.

Nell'illustrare il provvedimento, il relatore, sen. Vaccari (PD), ne ha sottolineato la rilevanza dei contenuti, fortemente attesi dai Comuni italiani che, nella maggior parte, sono di piccole dimensioni. L'articolo 1 enuclea le finalità del ddl, che riguarda i Comuni con popolazione residente fino a 5.000 abitanti, provvedendo alla definizione di "piccolo Comune". L'articolo 2 reca disposizioni in materia di attività e servizi, demandando agli enti indicati la promozione della qualità e dell'efficienza dei servizi essenziali nei piccoli Comuni con riguardo ad una serie di ambiti nonché al ripopolamento dei Comuni in questione anche attraverso progetti sperimentali di incentivazione alla residenzialità. L'articolo 3 istituisce un Fondo per lo sviluppo strutturale, economico e sociale dei piccoli Comuni, per il finanziamento di investimenti per una serie di finalità. L'articolo 4 prevede la possibilità, per i piccoli Comuni, di individuare, all'interno del perimetro dei centri storici, zone di particolare pregio, dal punto di vista della tutela dei beni architettonici e culturali, da riqualificare mediante interventi integrati pubblici e privati finalizzati alla riqualificazione urbana. Ai sensi dell'articolo 5 i piccoli Comuni possono adottare misure volte all'acquisizione e alla riqualificazione di immobili al fine di contrastare l'abbandono di terreni e di edifici in stato di abbandono o di degrado. L'articolo 6 consente la stipula di intese per il recupero di case cantoniere e di stazioni ferroviarie non più utilizzate, nonché di acquisire sedime ferroviario dismesso e non recuperabile all'esercizio ferroviario per finalità connesse alla valorizzazione dei propri territori. L'articolo 7 attribuisce ai piccoli Comuni la facoltà, anche in forma associata, di stipulare con le diocesi della Chiesa cattolica e con le rappresentanze delle altre confessioni religiose che hanno concluso intese con lo Stato convenzioni per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali, storici, artistici e librari degli enti ecclesiastici o degli enti delle confessioni religiose civilmente riconosciuti. L'articolo 8 detta norme per lo sviluppo della rete in banda ultra larga.

Il relatore, sen Mancuso (AP), ha illustrato la restante parte del provvedimento. L'articolo 9 concerne disposizioni relative ai servizi postali e all'effettuazione di pagamenti. L'articolo 10 concerne l'adozione di iniziative necessarie affinché la distribuzione dei quotidiani sia assicurata anche nei piccoli Comuni. Ai sensi dell'articolo 11, i piccoli Comuni potranno promuovere il consumo e la commercializzazione dei prodotti agroalimentari provenienti da filiera corta o a chilometro utile. Secondo quanto previsto dall'articolo 12, essi destineranno specifiche aree per la realizzazione dei mercati agricoli per la vendita diretta. L'articolo 13 reca disposizioni in materia di attuazione delle politiche di sviluppo, tutela e promozione delle aree rurali e montane, mentre l'articolo 14 concerne la programmazione di iniziative finalizzate alla promozione cinematografica in favore dei piccoli Comuni. L'articolo 15 prevede la predisposizione di un Piano per l'istruzione destinato alle aree rurali e montane, con particolare riguardo al collegamento dei plessi scolastici ubicati in tali aree, all'informatizzazione e alla progressiva digitalizzazione delle attività didattiche e amministrative che si svolgono nei medesimi plessi. L'articolo 16 contiene la clausola di invarianza finanziaria, mentre l'articolo 17 dispone che nei confronti delle Regioni a Statuto speciale e delle Province autonome di Trento e di Bolzano le disposizioni del ddl trovino applicazione compatibilmente a quanto previsto dai rispettivi statuti.

Martedì 26 Settembre 2017 - 884ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mar, 26/09/2017 - 16:55
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:32

L'Assemblea ha discusso e approvato il ddl n. 2227, nel testo proposto dalla Commissione, recante Disposizioni per la celebrazione dei centocinquanta anni dalla morte di Gioacchino Rossini. Il testo passa alla Camera dei deputati.

Il relatore, sen. Martini (PD), ha illustrato il provvedimento che istituisce un Comitato promotore per l'organizzazione di attività celebrative e stanzia un contributo straordinario di 700.000 euro nel biennio 2018 e 2019 per sostenere progetti, volti alla diffusione dell'opera e della conoscenza del musicista, che presentino ampi e qualificati livelli di collaborazione fra istituzioni, scuole e privati.

Alla discussione generale hanno partecipato i sen. Serenella Fucksia (FL) e Liuzzi (GAL). Dopo l'intervento della Sottosegretaria di Stato per i beni culturali Borletti Dell'Acqua Buitoni, gli articoli 1, 2, 4 e 5 sono stati approvati senza modifiche, mentre all'articolo 3 sono stati approvati gli emendamenti 3.103 e 3.106, di cui è prima firmataria la sen. Montevecchi (M5S).

Hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Davico (FL), Centinaio (LN), Liuzzi (GAL), Barani (ALA), Gotor (Art.1-MDP), Conte (AP), Bocchino (SI-Sel), Manuela Serra (M5S), Buemi (Aut), Giro (FI-PdL) e Camilla Fabbri (PD).

L'Assemblea ha poi discusso e approvato definitivamente il ddl n. 2810, recante Disposizioni per la celebrazione dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci e Raffaello Sanzio e dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

La relatrice, sen. Ferrara (PD), ha illustrato il contenuto del provvedimento che, per gli anni 2018-2021, istituisce comitati nazionali per le celebrazioni, attribuendo a ciascuno un contributo di 1.150.000 euro. Ai comitati spetta il compito di elaborare il piano delle iniziative culturali, di predisporre il piano economico, di elaborare programmi da realizzare attraverso il coinvolgimento di soggetti pubblici e privati, di predisporre programmi per favorire processi di sviluppo turistico-culturale.

Alla discussione hanno preso parte i sen. Laura Cantini, Josefa Idem (PD) e Liuzzi (GAL). Dopo l'approvazione senza emendamenti dei sette articoli, hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Davico (FL), Centinaio (LN), Barani (ALA), Liuzzi (GAL), Manuela Granaiola (Art.1-MDP), Conte (AP), Bocchino (SI-Sel), Manuela Serra (M5S), Giro (FI-PdL) e Marcucci (PD).

Martedì 26 Settembre 2017 - 884ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mar, 26/09/2017 - 16:55
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:32

L'Assemblea ha avviato l'esame del ddl n. 2227, nel testo proposto dalla Commissione, recante Disposizioni per la celebrazione dei centocinquanta anni dalla morte di Gioacchino Rossini.

Il relatore, sen. Martini (PD), ha illustrato il provvedimento che istituisce un Comitato promotore per l'organizzazione di attività celebrative e stanzia un contributo straordinario di 700.000 euro nel biennio 2018 e 2019 per sostenere progetti, volti alla diffusione dell'opera e della conoscenza del musicista, che presentino ampi e qualificati livelli di collaborazione fra istituzioni, scuole e privati.

Alla discussione generale hanno partecipato i sen. Serenella Fucksia (FL) e Liuzzi (GAL). Dopo l'intervento della Sottosegretaria di Stato per i beni culturali Borletti Dell'Acqua Buitoni, gli articoli 1, 2, 4 e 5 sono stati approvati senza modifiche, mentre all'articolo 3 sono stati approvati gli emendamenti 3.103 e 3.106, di cui è prima firmataria la sen. Montevecchi (M5S).

Martedì 26 Settembre 2017 - 883ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mar, 26/09/2017 - 11:56
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 11:03

Al termine dell'esame di mozioni sulle responsabilità gestionali delle banche, l'Assemblea ha approvato un ordine del giorno unitario che impegna il Governo a favorire tempestivamente un'iniziativa normativa sulla responsabilità di amministratori, organi di controllo e dirigenti contabili delle banche fallite, affinché sia più agevole attivare pene accessorie, con particolare riguardo all'interdizione perpetua dai pubblici uffici; a realizzare in tempi rapidi una ricognizione delle norme sanzionatorie, di rango penale e amministrativo, che tenga conto del quadro normativo dell'Unione europea; ad attuare le misure per la promozione e la diffusione dell'educazione finanziaria per aumentare la conoscenza da parte dei cittadini di strumenti e servizi finanziari immessi sul mercato; a favorire il posticipo del termine previsto per accedere al beneficio del ristoro.

Nella seduta antimeridiana del 19 settembre il rappresentante del Governo ha proposto un rinvio al fine di giungere a una sintesi delle mozioni presentate (cfr. comunicato n. 877). Nella seduta odierna, accogliendo la proposta del Sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze Baretta, tutti i Gruppi hanno ritirato le mozioni originarie per convergere su un ordine del giorno condiviso.

Hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Quagliarello (FL), Tosato (LN), Barani (ALA), Fornaro (Art.1-MDP), Laniece (Aut), Luigi Marino (AP), Loredana De Petris (SI-Sel), Cappelletti (M5S), D'Alì (FI-PdL), Mauro Marino (PD). In particolare, Federazione della Libertà ha criticato il diverso trattamento delle banche: il Governo ha offerto garanzie su conti e investimenti del Monte dei Paschi, ha previsto rimborsi simbolici per i correntisti di Banca Etruria, ma non ha predisposto alcuna garanzia per le banche venete. La Lega Nord ha posto l'accento sulla necessaria sanzione delle responsabilità e ha denunciato l'atteggiamento dilatorio del Governo, che sta ritardando i lavori della Commissione d'inchiesta sul sistema bancario. ALA ha invocato misure sulle autorità di vigilanza, Banca d'Italia e Consob, che non hanno svolto adeguatamente la loro funzione. Art.1-MDP ha sottolineato la vittoria del Parlamento: l'ordine del giorno recepisce il contenuto di un emendamento, presentato dal Gruppo al decreto-legge sulla liquidazione coatta delle banche venete, che la posizione della questione di fiducia ha impedito di approvare. Area Popolare, dissociandosi dalle critiche generalizzate agli istituto di credito, ha riconosciuto che in alcuni casi sono intervenute colpe gravi di sottovalutazione dei rischi e inadeguatezze gestionali; ha quindi posto l'accento sull'educazione finanziaria. Sinistra Italiana, invece, ha ricordato che il fallimento di sette banche è avvenuto dopo che i Governi avevano assicurato la solidità del sistema nazionale del credito; ha quindi posto l'accento sulla necessità di una maggiore tutela dei risparmiatori. Movimento 5 Stelle ha apprezzato l'impegno sulla responsabilità degli amministratori, ha ricordato però le responsabilità politiche della vicenda delle banche fallite e ha lamentato il fatto che l'equo ristoro dei risparmiatori truffati è rimasto lettera morta. Forza Italia, che ha chiesto il posticipo del termine per il ristoro e il rinvio del tema dei crediti deteriorati agli approfondimenti della Commissione finanze, non condivide atteggiamenti giustizialisti ma ritiene necessario potenziare i controlli, favorire l'attivazione di meccanismi sanzionatori, promuovere un'effettiva conoscenza dei rischi dei prodotti finanziari. Il PD, ricordando che nella vicenda delle banche non è stato applicato il principio del bail-in, ha auspicato una riflessione su un migliore bilanciamento tra bail-in e bail-out. Ha evidenziato, inoltre, che l'ordine del giorno unitario rafforza l'interlocuzione del Governo in sede europea.

Giovedì 21 Settembre 2017 - 882ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Gio, 21/09/2017 - 16:53
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:05

La seduta è dedicata allo svolgimento di interrogazioni.

Il Sottosegretario di Stato per gli affari esteri Della Vedova ha risposto all'interrogazione 3-03595 del sen. Di Biagio (AP) sul piano di razionalizzazione delle sedi del consolato generale e dell'istituto italiano di cultura di Monaco di Baviera:premesso che la razionalizzazione delle sedi consolari è richiesta dalle ultime leggi di stabilità, il Ministero non hai mai preso in considerazione la limitazione dell'attività del consolato di Monaco ma intende individuare una sede più idonea. Infine, è priva di fondamento l'ipotesi di vendita dell'immobile sede dell'istituto italiano di cultura. L'interrogante, in replica, ha ribadito che il piano di dismissione degli immobili è confuso e antieconomico.

La Sottosegretario di Stato per il lavoro e le politiche sociali Biondelli ha risposto all'interrogazione 3-03852, a prima firma del sen. Battista (Art.1-MDP), sul trasferimento di un dipendente della Wartsila dalla filiale di Trieste a quella di Taranto: dopo il ricorso del signor Colautti, che ritiene il trasferimento discriminatorio e ritorsivo, il 25 settembre si terrà la seconda udienza per un tentativo di conciliazione. Secondo il sen. Battista lo Stato e la Regione non dovrebbero erogare contributi a società che non rispettano i diritti sindacali.

Il Sottosegretario di Stato per lo sviluppo economico Giacomelli ha risposto all'interrogazione 3-03602, a prima firma della sen. Bellot (Misto) sui contributi annuali per le emittenti televisive locali: il ritardo nel riparto delle risorse è imputabile al contenzioso e non al Ministero, che ha approvato il nuovo regolamento sui criteri di erogazione. Si prevede che nei prossimi sei mesi saranno pubblicati i bandi di gara relativi al triennio 2016-2018. L'interrogante si è dichiarata parzialmente soddisfatta.

Il Sottosegretario di Stato Giacomelli, nel rispondere all'interrogazione 3-03802, a prima firma del sen. Angioni (PD), sul futuro occupazione dei lavoratori della Wind Tre SpA, ha richiamato l'accordo sottoscritto lo scorso 27 giugno che prevede garanzie occupazionali e contrattuali per i lavoratori coinvolti nella cessione del ramo di azienda. Ha poi assicurato che il Governo vigilerà sull'applicazione dell'accordo. Il sen. Angioni si è dichiarato soddisfatto.

Giovedì 21 Settembre 2017 - 881ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Gio, 21/09/2017 - 10:01
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:34

L'Assemblea ha approvato il ddl n. 951, nel testo proposto dalla Commissione affari costituzionali recante distacco del comune di Sappada dalla regione Veneto e sua aggregazione alla regione Friuli Venezia Giulia. Il testo passa alla Camera dei deputati.

Nella seduta di ieri si è conclusa la discussione generale. Oggi, in replica, la relatrice Bisinella (Misto) ha ricordato che il referendum si è celebrato nel 2008 e ha precisato che il passaggio del comune alla regione Friuli Venezia Giulia è dettato da motivi di continuità geografica, di vicinanza culturale e linguistica, non esclusivamente da ragioni socio-economiche. Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Pizzetti ha affermato che il ddl non ha attinenza con i temi del riordino degli enti territoriali, dell'autodeterminazione della popolazione o dell'affinità etnica, trattandosi piuttosto di un ricongiungimento comunitario per motivi di costume; il passaggio del comune, sul quale hanno espresso parere favorevole sia la Regione cedente sia la Regione ricevente, non richiede, infine, una norma di rango costituzionale.

Approvati gli emendamenti 1.100 del sen. Piccoli (FI-PdL) e 1.200 del sen. Torrisi (AP), hanno dichiarato voto favorevole i sen. Raffaela Bellot (Misto), Paola De Pin (GAL), Russo (PD) e Endrizzi (M5S), che ha accusato il Governo e il PD di essere refrattari ai referendum e alle manifestazioni dirette della volontà popolare e di avere ritardato l'approvazione del ddl. Pur annunciando voto favorevole, la sen. Doris Lo Moro (Art.1-MDP) ha espresso preoccupazione per le crescenti richieste di variazione dei confini regionali; il sen. Davico (FL) ha evidenziato i motivi economici dell'aggregazione del comune a una regione a statuto speciale; il sen. Dalla Tor (AP) ha evidenziato alcune disparità territoriali e ha sollecitato una revisione delle procedure per il passaggio dei comuni da una regione all'altra; la sen. De Petris (SI-Sel) ritiene doveroso dare seguito all'esito referendario, ma ha sollecitato un riequilibrio nel governo dei territori; il sen. Piccoli (FI-PdL) ha condiviso la preoccupazione di un effetto domino dovuto ai privilegi delle regioni a statuto speciale e ha criticato il Governo per aver azzerato l'operatività delle province e i programmi territoriali delle regioni a statuto ordinario. Il sen. Zeller (Aut) nell'annunciare voto favorevole, ha precisato che sarebbe stato più opportuno un ddl costituzionale e che alcuni senatori del Gruppo esprimeranno un voto contrario.

L'Assemblea ha discusso e approvato il ddl n. 2304, recante "Istituzione dell'anno ovidiano e celebrazione della ricorrenza dei duemila anni dalla morte di Ovidio". Il testo passa alla Camera.

I relatori, sen. Laura Fasiolo (PD) e Marin (FI-PdL), hanno illustrato il testo proposto dalla Commissione istruzione. L'articolo 1 indica la finalità del provvedimento, che dichiara anno ovidiano il 2017; l'articolo 2 elenca gli interventi per la promozione della figura e dell'opera di Ovidio, tra i quali il sostegno alle attività didattiche, formative e culturali, il recupero e restauro del materiale storico e artistico, l'individuazione di Sulmona quale sede di un museo dedicato al poeta e la costituzione di un parco letterario ovidiano; l'articolo 3 istituisce un comitato promotore delle celebrazioni; l'articolo 4 stanzia un contributo straordinario di 350.000 euro per gli anni 2017 e 2018.

Alla discussione hanno preso parte le sen. Paola Pelino (FI-PdL), Elena Ferrara (PD) e Laura Bignami (Misto). All'articolo 3 è stato approvato l'emendamento 3.100 dei relatori; i restanti articoli sono stati approvati senza modifiche. Hanno svolto la dichiarazione di voto finale a favore del ddl i sen. Davico (FL), Barani (ALA), Gotor (Art.1-MDP), Conte (AP), Paola Pelino (FI-PdL) e Stefania Pezzopane (PD). Anche il sen. Bocchino (SI-Sel), pur con delle riserve, ha sostenuto il provvedimento, mentre la sen. Rosetta Blundo (M5S) ha dichiarato l'astensione.

In apertura di seduta, i sen. Augello (FL), Loredana De Petris (SI-Sel), Cappelletti (M5S), Fornaro (Art.1-MDP), Russo (PD) e Malan (FI-PdL) hanno ricordato che martedì scorso la discussione delle mozioni sulla responsabilità gestionale delle banche è stato sospesa, su richiesta del Governo, al fine di ricercare, in tempi brevi, una sintesi tra i testi presentati. Hanno quindi sollecitato la convocazione della Conferenza dei Capigruppo al fine di inserire in calendario la ripresa dell'esame nella seduta antimeridiana di martedì prossimo. Il Sottosegretario di Stato Pizzetti si è dichiarato disponibile. Il Presidente Gasparri rappresenterà al Presidente del Senato l'orientamento unanime dell'Assemblea.

Giovedì 21 Settembre 2017 - 881ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Gio, 21/09/2017 - 10:01
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:30

In apertura di seduta, i sen. Augello (FL), Loredana De Petris (SI-Sel), Cappelletti (M5S), Fornaro (Art.1-MDP), Russo (PD) e Malan (FI-PdL) hanno ricordato che martedì scorso la discussione delle mozioni sulla responsabilità degli amministratori delle banche è stato sospesa, su richiesta del Governo, al fine di ricercare, in tempi brevi, una sintesi tra i testi presentati. Hanno quindi sollecitato la convocazione della Conferenza dei Capigruppo al fine di inserire in calendario la ripresa dell'esame nella seduta antimeridiana di martedì prossimo. Il Sottosegretario di Stato Pizzetti si è dichiarato disponibile. Il Presidente Gasparri rappresenterà al Presidente del Senato l'orientamento unanime dell'Assemblea.

L'Assemblea ha approvato il ddl n. 951, nel testo proposto dalla Commissione affari costituzionali recante distacco del comune di Sappada dalla regione Veneto e sua aggregazione alla regione Friuli Venezia Giulia. Il testo passa alla Camera dei deputati.

Nella seduta di ieri si è conclusa la discussione generale. Oggi, in replica, la relatrice Bisinella (Misto) ha ricordato che il referendum si è celebrato nel 2008 e ha precisato che il passaggio del comune alla regione Friuli Venezia Giulia è dettato da motivi di continuità geografica, di vicinanza culturale e linguistica, non esclusivamente da ragioni socio-economiche. Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Pizzetti ha affermato che il ddl non ha attinenza con i temi del riordino degli enti territoriali, dell'autodeterminazione della popolazione o dell'affinità etnica, trattandosi piuttosto di un ricongiungimento comunitario per motivi di costume; il passaggio del comune, sul quale hanno espresso parere favorevole sia la Regione cedente sia la Regione ricevente, non richiede, infine, una norma di rango costituzionale.

Approvati gli emendamenti 1.100 del sen. Piccoli (FI-PdL) e 1.200 del sen. Torrisi (AP), hanno dichiarato voto favorevole i sen. Raffaela Bellot (Misto), Paola De Pin (GAL), Russo (PD) e Endrizzi (M5S), che ha accusato il Governo e il PD di essere refrattari ai referendum e alle manifestazioni dirette della volontà popolare e di avere ritardato l'approvazione del ddl. Pur annunciando voto favorevole, la sen. Doris Lo Moro (Art.1-MDP) ha espresso preoccupazione per le crescenti richieste di variazione dei confini regionali; il sen. Davico (FL) ha evidenziato i motivi economici dell'aggregazione del comune a una regione a statuto speciale; il sen. Dalla Tor (AP) ha evidenziato alcune disparità territoriali e ha sollecitato una revisione delle procedure per il passaggio dei comuni da una regione all'altra; la sen. De Petris (SI-Sel) ritiene doveroso dare seguito all'esito referendario, ma ha sollecitato un riequilibrio nel governo dei territori; il sen. Piccoli (FI-PdL) ha condiviso la preoccupazione di un effetto domino dovuto ai privilegi delle regioni a statuto speciale e ha criticato il Governo per aver azzerato l'operatività delle province e i programmi territoriali delle regioni a statuto ordinario. Il sen. Zeller (Aut) nell'annunciare voto favorevole, ha precisato che sarebbe stato più opportuno un ddl costituzionale e che alcuni senatori del Gruppo esprimeranno un voto contrario.

Mercoledì 20 Settembre 2017 - 880ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 20/09/2017 - 17:02
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:33

L'Assemblea ha approvato il ddl n. 2287-bis, con il nuovo titolo "Disposizioni in materia di spettacolo e delega al Governo per il riordino della materia". Il testo, collegato alla manovra di finanza pubblica, passa alla Camera dei deputati.

Noto come codice dello spettacolo, il ddl si compone di sette articoli. L'articolo 1 detta i princìpi; l'articolo 2 conferisce deleghe al Governo per il riordino della normativa e la predisposizione del codice dello spettacolo; l'articolo 3 istituisce il Consiglio superiore dello spettacolo; l'articolo 4 reca disposizioni finanziarie per l'incremento del Fondo unico dello spettacolo (FUS) e per misure in favore di attività culturali nei territori colpiti dal terremoto; l'articolo 6 prevede la clausola di salvaguardia per le autonomie speciali; l'articolo 7 rimodula la tempistica del processo di risanamento e rilancio delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Nella seduta antimeridiana si è conclusa la votazione degli emendamenti e degli ordini del giorno: sulla controversa questione delle attività circensi e degli spettacoli viaggianti è stato approvato l'emendamento 2.800, presentato dalla relatrice, che prevede il progressivo superamento dell'utilizzo di animali. Sono stati accolti, inoltre, gli emendamenti 4.700 e 5.700, richiesti dalla Commissione bilancio, che specificano la copertura finanziaria degli stanziamenti per i territori colpiti da eventi sismici e per gli incentivi fiscali.

Oggi pomeriggio hanno svolto dichiarazione di voto favorevole i sen. Panizza (Aut), Conte (AP) e Marcucci (PD) i quali hanno ricordato il lavoro di approfondimento e di integrazione svolto in Commissione e hanno richiamato in particolare lo scorporo delle fondazioni lirico-sinfoniche dal FUS, la ridefinizione dei criteri di accesso al Fondo, l'estensione dell'art bonus (credito d'imposta del 65 per cento) a tutte le forme di spettacolo. Sebbene il Gruppo non condivida l'orientamento contabile e mercantile in materia di attività lirico-sinfoniche, e abbia perciò sostenuto gli emendamenti di SI-Sel, il sen. Gotor (Art.1-MDP) ha annunciato voto favorevole al complesso del provvedimento e ha espresso particolare apprezzamento per la norma sull'accesso delle persone con disabilità. Hanno annunciato l'astensione i sen. Michela Montevecchi (M5S), Giro (FI-PdL) e Liuzzi (GAL). M5S ha evidenziato la mancata soluzione dei problemi relativi ai lavoratori dello spettacolo e la timida norma sulla registrazione SIAE, mentre ha manifestato apprezzamento per l'approvazione di un emendamento del Gruppo che preclude ai sovrintendenti responsabili di cattiva gestione la nomina a ruoli affini. FI-PdL avrebbe preferito il varo di una legge organica, in luogo di una delega che necessita di decreti attuativi, e avrebbe caldeggiato una soluzione più efficiente in materia di fondazioni lirico-sinfoniche. GAL ha criticato l'accanimento di gruppi animalisti estremi contro le comunità circensi e ha invitato il Governo ad esercitare la delega con equilibrio e discernimento. Il sen. Giovanardi (FL) ha manifestato perplessità sul compromesso raggiunto in materia di attività circensi, rilevando la vaghezza e la difficile applicabilità della norma. Hanno dichiarato voto contrario al provvedimento i sen. Alessia Petraglia (SI-Sel) e Iurlaro (ALA). La sen. Petraglia ha ricordato che i tagli alla cultura sono stati realizzati anche nell'attuale legislatura e ha criticato le scelte liberiste in materia di attività lirico-sinfoniche (esuberi, precarizzazioni, esternalizzazioni non hanno risanato le fondazioni, che dovrebbero essere pubbliche); ha denunciato infine la mancanza di coraggio sull'eliminazione dell'uso di animali negli spettacoli viaggianti. Secondo il sen. Iurlaro il testo è carente e la sostituzione della consulta con il consiglio superiore dello spettacolo appesantisce la procedura di accesso ai fondi.

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl n. 951, nel testo proposto dalla Commissione affari costituzionali recante distacco del comune di Sappada dalla regione Veneto e sua aggregazione alla regione Friuli Venezia Giulia.

Hanno preso parte alla discussione generale il sen. D'Alì (FI-PdL), che ha caldeggiato una riforma del governo del territorio che superi l'eccessiva parcellizzazione delle autonomie; la sen. Rizzotti (FI-PdL) che, nell'annunciare voto favorevole, ha evidenziato i motivi socio-economici che spingono i comuni limitrofi ad aggregarsi alle regioni a Statuto speciale; i sen. Pegorer (Art.1-MDP), Raffaela Bellot (Misto) e Laura Fasiolo (PD), i quali hanno annunciato pieno sostegno al ddl che dà seguito a un pronunciamento referendario del 2008; il sen. Sonego (Art.1-MDP), che ha invitato il Governo a ritirare il provvedimento, paventando un effetto domino e osservando che la ridefinizione dei confini di una regione a statuto speciale richiede un ddl costituzionale; il sen. Cappelletti (M5S), che ha annunciato voto favorevole, invocando il rispetto dei principi di autodeterminazione e sovranità popolare; il sen. Marin (FI-PdL), il quale ha rilevato che i tagli del Governo alle associazioni di comuni limitrofi favoriscono la prassi del distacco.

In apertura di seduta i sen. Cecilia Guerra (Art.1-MDP), Giovanardi (FL) e Vaccari (PD) hanno ricordato il senatore Luciano Guerzoni, spentosi il 10 agosto scorso. Il Presidente ha invitato l'Assemblea a osservare un minuto di silenzio.

Mercoledì 20 Settembre 2017 - 880ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 20/09/2017 - 17:02
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:33

In apertura di seduta i sen. Cecilia Guerra (Art.1-MDP), Giovanardi (FL) e Vaccari (PD) hanno ricordato il senatore Luciano Guerzoni, che si è spento il 10 agosto scorso. Il Presidente ha invitato l'Assemblea a osservare un minuto di silenzio.

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl n. 2287-bis e connessi, recante Delega al Governo per il codice dello spettacolo, nel testo proposto dalla Commissione istruzione.

L'articolo 1 detta i princìpi; l'articolo 2 conferisce deleghe al Governo per il riordino della normativa e la predisposizione del codice dello spettacolo; l'articolo 3 istituisce il Consiglio superiore dello spettacolo; l'articolo 4 reca disposizioni finanziarie per l'incremento del Fondo unico dello spettacolo (FUS) e per misure in favore di attività culturali nei territori colpiti dal terremoto; l'articolo 6 prevede la clausola di salvaguardia per le autonomie speciali; l'articolo 7 rimodula la tempistica del processo di risanamento e rilancio delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Nella seduta antimeridiana si è conclusa la votazione degli emendamenti e degli ordini del giorno.

Mercoledì 20 Settembre 2017 - 879ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 20/09/2017 - 09:57
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:34

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl n. 2287-bis e connessi, recante Delega al Governo per il codice dello spettacolo, nel testo proposto dalla Commissione istruzione.

L'articolo 1 detta i princìpi; l'articolo 2 conferisce deleghe al Governo per il riordino della normativa e la predisposizione del codice dello spettacolo; l'articolo 3 istituisce il Consiglio superiore dello spettacolo; l'articolo 4 reca disposizioni finanziarie per l'incremento del Fondo unico dello spettacolo (FUS) e per misure in favore di attività culturali nei territori colpiti dal terremoto; l'articolo 6 prevede la clausola di salvaguardia per le autonomie speciali; l'articolo 7 rimodula la tempistica del processo di risanamento e rilancio delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Prima di passare all'esame dell'articolato, iniziato nella seduta pomeridiana di ieri, la relatrice, sen. De Giorgi (PD), ha annunciato la presentazione dell'emendamento 2.800 che, intervenendo sul dibattuto tema delle attività circensi e dello spettacolo viaggiante, modifica le finalità delle disposizioni in materia volte al "graduale superamento" dell'utilizzo degli animali. Dopo l'intervento del ministro Franceschini, il quale, anche in risposta alla sen. De Petris (SI-SEL), ha sottolineato che la proposta della relatrice ha comunque tenuto conto delle osservazioni emerse da più parti nel corso del dibattito, su richiesta dei sen. Giovanardi (FL) e Michela Montevecchi (M5S), il presidente Gasparri ha sospeso la seduta per consentire la presentazione dei relativi subemendamenti.

Ripreso l'esame, all'articolo 4 è stato approvato l'emendamento 4.700 della relatrice, che individua la copertura della spesa di 4 milioni di euro per interventi in favore di attività culturali nei territori interessati da eventi sismici. All'articolo 5 è stato approvato l'emendamento della relatrice 5.700 che, aggiungendo il comma 1-bis, specifica la copertura per i benefici e gli incentivi fiscali previsti dal medesimo articolo, rispetto al quale sono stati altresì accolti tre ordini del giorno. Sono stati approvati, senza modifiche, gli articoli 6 e 7. Si è quindi passati all'esame degli emendamenti riferiti all'articolo 2, precedentemente accantonati. Dopo un dibattitopartecipato, è stato approvato l'emendamento della relatrice 2.800 e sono stati accolti gli ordini del giorno G2.800/103, a prima firma della sen. Granaiola (Art. 1-MDP), che impegna il Governo alla sostituzione dell'utilizzo degli animali con esibizioni di artisti, G2.800/15 della sen Fucksia (FL) sull'individuazione di aree utili alla salvaguardia degli animali e G2.800/107, a prima firma della sen. Cirinnà (PD), per la fissazione di un termine che consenta la ricollocazione dei lavoratori. Le dichiarazioni di voto avranno luogo nella seduta pomeridiana.

Mercoledì 20 Settembre 2017 - 879ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mer, 20/09/2017 - 09:57
Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:34

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl n. 2287-bis e connessi, recante Delega al Governo per il codice dello spettacolo, nel testo proposto dalla Commissione istruzione.

L'articolo 1 detta i princìpi; l'articolo 2 conferisce deleghe al Governo per il riordino della normativa e la predisposizione del codice dello spettacolo; l'articolo 3 istituisce il Consiglio superiore dello spettacolo; l'articolo 4 reca disposizioni finanziarie per l'incremento del Fondo unico dello spettacolo (FUS) e per misure in favore di attività culturali nei territori colpiti dal terremoto; l'articolo 6 prevede la clausola di salvaguardia per le autonomie speciali; l'articolo 7 rimodula la tempistica del processo di risanamento e rilancio delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Prima di passare all'esame dell'articolato, iniziato nella seduta pomeridiana di ieri, la relatrice, sen. De Giorgi (PD), ha annunciato la presentazione dell'emendamento 2.800 che, intervenendo sul dibattuto tema delle attività circensi e degli spettacoli viaggianti, reca disposizioni finalizzate al graduale superamento dell'utilizzo degli animali. Dopo l'intervento del ministro Franceschini, il quale ha sottolineato che la proposta della relatrice ha accolto le osservazioni emerse da più parti nel corso del dibattito, su richiesta dei sen. Loredana De Petris (SI-SEL), Giovanardi (FL) e Michela Montevecchi (M5S), il presidente Gasparri ha sospeso la seduta per consentire la presentazione dei relativi subemendamenti.

All'articolo 4 è stato approvato l'emendamento 4.700 della relatrice, che individua la copertura della spesa di 4 milioni di euro per interventi in favore di attività culturali nei territori interessati da eventi sismici. All'articolo 5 è stato approvato l'emendamento della relatrice 5.700 che, aggiungendo il comma 1-bis, specifica la copertura per i benefici e gli incentivi fiscali previsti dal medesimo articolo, rispetto al quale sono stati altresì accolti tre ordini del giorno. Sono stati approvati, senza modifiche, gli articoli 6 e 7.

Martedì 19 Settembre 2017 - 878ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Mar, 19/09/2017 - 16:48
Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:33

L'Assemblea ha ripreso l'esame del ddl n. 2287-bis e connessi, recante Delega al Governo per il codice dello spettacolo, nel testo proposto dalla Commissione istruzione.

L'articolo 1 detta i princìpi; l'articolo 2 conferisce deleghe al Governo per il riordino della normativa e la predisposizione del codice dello spettacolo; l'articolo 3 istituisce il Consiglio superiore dello spettacolo; l'articolo 4 reca disposizioni finanziarie per l'incremento del Fondo unico dello spettacolo (FUS) e per misure in favore di attività culturali nei territori colpiti dal terremoto; l'articolo 6 prevede la clausola di salvaguardia per le autonomie speciali; l'articolo 7 rimodula la tempistica del processo di risanamento e rilancio delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Nella seduta antimeridiana del 14 settembre si è svolta la discussione generale dopo l'illustrazione della relatrice, sen. Di Giorgi (PD): il ddl, nato dallo stralcio dell'articolo 34 della legge sul cinema, approvata il 6 ottobre 2016, è stato integrato in Commissione con il contributo significativo delle opposizioni. Il provvedimento riconosce il valore formativo ed educativo dello spettacolo e lo promuove quale fattore di sviluppo, di coesione e identità culturale; detta criteri di semplificazione organizzativa e normativa per l'esercizio della delega; rivolge un'attenzione particolare alla qualità e all'internazionalizzazione delle produzioni, ai progetti e alle orchestre giovanili, all'aggiornamento tecnologico dei teatri; prevede che il 3 per cento del FUS sia destinato alle scuole; dà accesso al FUS anche agli spettacoli di musica popolare, danza classica e contemporanea, ai carnevali, alle rievocazioni storiche, alle attività circensi; estende l'art bonus a tutte le forme di spettacolo; responsabilizza i sovrintendenti rispetto alla gestione economica delle fondazioni lirico-sinfoniche.

Nella seduta odierna, la relatrice, intervenendo in replica, ha ricordato che l'eliminazione dell'uso degli animali nelle attività circensi ha carattere graduale; ha negato che il ddl abbia un'impronta centralista, richiamando le competenze del Ministero dei beni culturali; ha espresso la convinzione che la collaborazione tra pubblico e privato avrà effetti positivi e non comporterà un effetto di sostituzione; ha escluso l'ipotesi della pubblicizzazione delle fondazioni lirico-sinfoniche; ha auspicato, infine, che le risorse per lo spettacolo siano aumentate dalla legge di bilancio.

Il Ministro dei beni e delle attività culturali Franceschini ha evidenziato che in questa legislatura provvedimenti importanti per la cultura, dal decreto art bonus alla legge sul cinema, sono stati approvati da una maggioranza più ampia di quella che sostiene il Governo. Con riferimento al ddl sullo spettacolo, ha ricordato in particolare l'introduzione di meccanismi virtuosi per la gestione delle maggiori risorse a favore delle fondazioni lirico-sinfoniche; la tutela dei lavoratori dello spettacolo; lo stanziamento di 4 milioni per i territori colpiti dal terremoto; l'estensione dell'art bonus; la valorizzazione della danza e della musica popolare contemporanea.

All'articolo 1 sono stati approvati gli emendamenti 1.222 e 1.223 della sen. Ferrara (PD) che inseriscono un riferimento alla collaborazione con gli enti del terzo settore. All'articolo 2 sono stati accantonati gli emendamenti relativi alla revisione delle disposizioni sull'attività circense; sono state respinte le proposte della sen. Montevecchi (M5S) relative al daspo per i sovrintendenti responsabili di cattiva gestione e alla nomina, tramite bandi pubblici, di sovrintendenti e direttori artistici, mentre sono stati approvati gli emendamenti della sen. Montevecchi (M5S) 2.201 (testo 2), che prevede l'attivazione di un tavolo programmatico tra il Ministero e l'Ente per il turismo finalizzato all'inserimento delle attività di spettacolo nei percorsi turistici in tutto il territorio nazionale, e la seconda parte del 2.206, che introduce la revisione delle modalità di nomina e dei requisiti del sovrintendente, prevedendo, in caso di scorretta gestione economica, l'impossibilità di nomina per lo stesso ruolo in altre fondazioni. Sono stati approvati inoltre l'emendamento 2.218 (testo 2) dei sen. Ichino e Puppato (PD), che prevede il superamento progressivo del contrassegno SIAE per la registrazione di opere musicali, e l'emendamento 2.222 della sen. Ferrara (PD). All'articolo 3 è stato approvato l'emendamento 3.205 della sen. Ferrara (PD). L'esame e la votazione degli emendamenti proseguirà domani.

Pagine