50 milioni di euro per le nuove piste ciclabili

Autore/i: 

 

 

Per nuove piste ciclabili sono in arrivo 50 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero in favore degli enti locali. Lo prevede il bando “Comuni in pista – #sullabuonastrada”, un progetto dell’Istituto per il credito sportivo.

 

“Il progetto “Comuni in pista”  – ha detto il titolare dello Sport, Luca Lotti –  rappresenta un impegno importante che punta al miglioramento e alla crescita delle nostre comunità territoriali, attraverso lo sviluppo del sistema infrastrutturale, incentivando l’attività fisica e uno stile di vita salutare. Un percorso che prosegue in coerenza al principio ispiratore del“Fondo Sport e Periferie” reso stabile attraverso l’azione dell’attuale Ministero per lo Sport. 

“Quello a favore di una mobilità sostenibile integrata – ha sottolineato il presidente dell’Associazione dei comuni italiani, Antonio Decaro – è un impegno che i Sindaci e l’Anci continuano ad assumere con convinzione, nelle scelte che coinvolgono l’amministrazione quotidiana delle città.  Non solo per salvaguardare l’ambiente, ma anche per investire in qualità della vita e nello sviluppo sostenibile del Paese. In un Paese in cui il 65%  delle persone si sposta in auto su percorsi inferiori ai cinque chilometri, la bicicletta ha ottime chance di diventare il mezzo primario per questo tipo di spostamenti.  Purché ci si creda e si lavori per renderla un’alternativa vera all’auto”.

“Sicuramente la bicicletta è protagonista nella mobilità – ha concluso il presidente della Federciclismo, Renato Di Rocco. Ogni studio proiettato nel rispetto dell’ambiente prevede l’immagine della bici come valore aggiunto e consolidato. Facilitare l’accesso al credito per realizzare piste ciclabili secondo uno standard tecnico di sicurezza, rappresenta una vera opportunità per invogliare anche coloro che abitualmente non usano la bici, oltre a poter sostenere i vari possibili scenari di scuola casa, e scuola lavoro per studenti ed adulti. La Federazione Ciclistica italiana assicura il sostegno tecnico assimilando le caratteristiche ai percorsi di quanto di meglio già realizzato nei Paesi dove la bicicletta è di utilizzo quotidiano o ragione di spostamento. Questo finanziamento messo a disposizione dei Comuni è un invito agli stessi Enti locali a non attendere ancora e investire in strutture che rappresentano le migliori direttrici future di sviluppo urbano. Strutture che sono un bene per le comunità coinvolte ed anche per il nostro sport.”.