L’elettrocardiogramma è un controllo salvavita

Autore/i: 

 

 

Oggi giorno i fattori di rischio per la salute del cuore sono davvero tanti. Non tutti pensano realmente a come lo stress della vita quotidiana, uno stile di vita sregolato e patologie di carattere ereditario possano mettere seriamente a repentaglio la nostra salute e quella del nostro cuore.
 
Fortunatamente la salute del nostro organo più importante può essere monitorata e gestita con costanti controlli attraverso uno degli esami specifici per poter controllare la reale condizione della propria salute
 
Stiamo parlando dell’elettrocardiogramma, lo strumento migliore che si può utilizzare per scoprire il proprio rischio di malattie cardiache con visite regolari presso il proprio medico curante.
 
Un controllo essenziale in quanto si potrebbe non essere consapevoli che i fattori di rischio della malattia di cuore sono numerosi e possono insorgere anche piuttosto presto. Spesso, inoltre, non ci sono sintomi evidenti a fungere da campanelli d’allarme.
 
Quindi è molto importante consultare il medico per controllare frequentemente i rischi e per assicurare che il proprio cuore sia sano.
 
Anche nel caso del cuore, così come per quello legato alla salute della pressione sanguigna e quindi di tutto l’apparato arterioso, è infatti fondamentale la tempestività e la prevenzione.
 
Un controllo del cuore può essere fatto come parte di un controllo normale con il proprio medico curante, che prenderà in esame gli esami del sangue, controllerà la pressione sanguigna e farà domande circa la storia clinica della famiglia del paziente e circa il proprio stile di vita.
 
Una volta che il medico di base, o il cardiologo, presentano i risultati del test del sangue è opportuno chiedere loro il rapporto che indica se il livello di rischio di infarto o ictus risulta alto (più del 15%); moderato (10-15%) o basso (meno del 10%).