La Francia? Una vera startup

Autore/i: 

 

(Mypegaso)

Venite in Francia, siete i benvenuti, è la vostra nazione. Noi amiamo l’innovazione. Noi vogliamo le persone innovative”.

Così parlava Emanuel Macron in campagna elettorale prima di trionfare alle elezioni che lo avrebbero portato all’Eliseo. Una promessa che adesso il presidente si appresta a mantenere rilanciando le ambizioni di una leadership francese sull’Europa.

Un fondo da 10 miliardi di euro che avrà l’obiettivo di creare nuove imprese nel settore dell’Information Technology con tanto di apertura a ricercatori, imprenditori e tecnici americani in rotta di collisione con la politica autarchica di Trump.

In pratica la Francia si muoverà come una start up: leggera, innovativa, efficiente, ma anche socialmente accettabile. Tant’è che il fondo sarà guidato dalla Bpifrance, la banca pubblica di investimento che fornirà risorse finanziarie decisive per drenare nuovi occupati.

La Republique en marche – il partito di Macron che potrebbe conquistare la bellezza dell’80 per cento dei seggi dell’Assemblea nazionale – è un fiume in piena. Inarrestabile. La svolta tecnologica tracciata alla conferenza parigina “Viva Technology” rappresenta una straordinaria concezione dello sviluppo sostenibile; non solo per la Francia, ma per l’Europa tutta.

Questo giovane presidente l’ha capito prima e meglio di altri.