Madagascar: La peste mette paura

Autore/i: 

 

 

Dieci paesi africani sono già stati avvisati per la malattia che secondo gli esperti potrebbe diffondersi nei paesi occidentali tramite i viaggi aerei.

La malattia è causata dallo stesso microbo che ha spazzato via 50 milioni di persone in Europa tra il 1347 e il 1352, si diffonde attraverso tosse, starnuti ed è quasi sempre fatale se non trattata.

Il professor Paul Hunter dell'Università di East Anglia ha chiarito che: "Se dovesse raggiunge il Regno Unito, l'Europa o gli Stati Uniti diventerebbe simile all'epidemia di Ebola".

Il primo caso identificato in Madagascar della nuova epidemia è stato un uomo di 31 anni, che aveva sintomi simili a quelli della malaria e che aveva compiuto un viaggio da un’area rurale del paese fino alla capitale Antananarivo. È morto il 27 agosto scorso e nelle settimane seguenti sono stati rilevati diversi casi di peste lungo il tragitto che aveva seguito per raggiungere la città. 

Secondo i dati ufficiali, dal primo agosto al 17 ottobre, il Madagascar ha registrato un totale di 1.032 casi di peste, inclusi 695 casi di peste polmonare, e 89 morti.

Il numero più elevato di casi è stato registrato nella capitale, Antananarivo, e  Action Against Hunger avvisa: "non abbiamo ancora raggiunto il picco". La peste è endemica ma l'epidemia di quest'anno preoccupa di più perchè, per la prima volta ha colpito due grandi città sull'Oceano indiano, Antananarivo e Toamasina.