USA: Il Segretario della Difesa, "L'America sta perdendo la guerra in Afghanistan"

Autore/i: 

 

 

Il segretario della Difesa degli Stati Uniti, Jim Mattis, ha confermato forte e chiaro: "L'America non sta vincendo in Afghanistan".

Lo ha detto durante la sua ultima apparizione a Washington dinanzi alla commissione per i Servizi Armati del Senato, dove ha spiegato che " il conflitto è ad un punto morto ".

Le forze afghane, hanno ancora una volta bisogno di aiuti stranieri per fermare l'avanzata dei talebani, in particolare sui fronti di Helmand a sud, Nangarhar ad est e Kunduz a nord.

Il Pentagono considera la difesa di Helmand, Kunduz e Nangarhar, come fondamentale per la sopravvivenza dello stato Afgano. Se una di queste province cade, cade Kabul.

Ma per mantenere il controllo del territorio, il governo afgano non ha più bisogno dei soli raid aeri, ma anche di un nuovo afflusso di militari.

Il generale John Nicholson, ritiene che per fermare l’avanzata sarebbero necessarie minimo 5.000 nuove unità.

Intanto fonti della Casa Bianca confermano che il Presidente avrebbe dato al Segretario alla Difesa un mandato per stabilire il numero esatto di truppe da inviare in Afghanistan.

La Segreteria per la Difesa americana non ha voluto commentare l’informazione. Secondo Sputnik, un portavoce ha fatto capire, però, che la “nuova strategia del Pentagono in Afghanistan non sarà pronta prima della metà di luglio”.