HomeVideo News48 Convegno...

48 Convegno Nazionale ANIMP – UAMI

Roma, 15 set. (askanews) – L’impiantistica industriale italiana rappresenta uno dei cardini del processo di sviluppo delle politiche industriali ed energetiche ricomprese oggi sotto il cappello del cosiddetto “Piano Mattei”.

Il tema al centro della due-giorni romana all’Auditorium della Tecnica di Confindustria dell’Associazione Nazionale di Impiantistica Industriale ANIMP per una riflessione a pi voci sull’attualit e sul futuro di un settore trainante dell’economia.

A margine del convegno – in occasione del cinquantesimo anniversario, abbiamo parlato con Giovanni Del Serrone, Direttore generale ANIMP:

“Il ruolo di ANIMP mette insieme allo stesso tavolo l’industria, i general contractors, l’universit e i ricercatori. Tutto ci diventa fondamentale. I giovani devono desiderare di entrare e contribuire allo sviluppo sostenibile dell’industria e dell’energia, senza la quale non si va da nessuna parte. Quello che possiamo e dobbiamo continuare a fare competere per l’eccellenza, per distinguere attraverso ricerca, innovazione ed esecuzione corretta. Portare avanti questo un arricchimento costante dell’Italia. Abbiamo bisogno del supporto da parte delle istituzioni per andare avanti. importantissimo che il sistema Paese aiuti nello sviluppo dell’eccellenza”.

Inoltre intervenuto anche Aroldo Curzi Mattei, impegnato nel settore delle energie rinnovabili, dell’agroindustria e della formazione nel continente africano, nipote del fondatore dell’ENI e presidente della Fondazione Social Economic Development Enrico Mattei:

“Il ruolo dell’Italia primario soprattutto per un punto di vista geografico e per quello che le aziende italiane hanno fatto in passato soprattutto verso i Paesi del Nord-Africa. Sicuramente possiamo contribuire attraverso delle strategie chiare alla stabilit di questi Paesi per immaginare un piano strategico di investimenti in territori pi stabili rispetto a quelli attuali. Il metodo Mattei partiva da un concetto: non c’ comunit senza lavoro, e lavorare sulla creazione di comunit dove intorno si crea lavoro sicuramente uno dei modi per creare quella stabilit e quei presupposti necessari per una politica di investimenti che porter sicuramente ad un futuro molto pi solido”.

quindi importante perseguire una sostenibilit integrata, che ricerchi la massimizzazione dell’efficienza ed efficacia delle diverse soluzioni e valuti seriamente l’impatto sociale.

Continua a leggere

Napolitano, notizia scomparsa fa il giro del mondo in pochi minuti

Milano, 22 set. (askanews) – La notizia della morte di Giorgio Napolitano fa il giro del mondo in pochi minuti, e dalla Cina all’America, sono molti i quotidiani e i media che pubblicano la sua biografia o un...

Mattarella: Napolitano garante dei valori, votato alle istanze dei lavoratori

Roma, 22 set. (askanews) – La morte di Giorgio Napolitano "mi addolora profondamente e, mentre esprimo alla sua memoria i sentimenti più intensi di gratitudine della Repubblica, rivolgo ai familiari il cordoglio dell’intera nazione". Lo dichiara il presidente...

Napolitano, addio a "Re Giorgio", primo (e unico) ex Pci a guida Repubblica

Roma, 22 set. (askanews) – E’ stato il primo – e finora unico – presidente della Repubblica ex comunista, il primo ad essere rieletto per un secondo mandato, il più anziano al momento dell’elezione al Colle, il primo...