HomeTopNewsIndi Gregory, Pillon:...

Indi Gregory, Pillon: attivati nuovi canali, confidiamo in accordo

Roma, 10 nov. (askanews) – “È stato respinto l’appello presentato per chiedere che Indi Gregory venisse portata a casa, lunedì procederanno con l’estubazione. Sono però stati attivati diversi canali e si sta lavorando a un nuovo percorso per cercare di salvare la bimba. Confidiamo ancora in un accordo”. Lo ha affermato Simone Pillon, avvocato italiano della famiglia di Indi Gregory, intervenuto a “ZTL”, programma condotto da Francesco Borgonovo su Radio Giornale Radio.

“La nostra Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha chiesto chiarimenti alla sua omologa britannica in relazione alle modalità con le quali vengono gestiti casi come questo, chiedendo quindi come pensano di conciliare il mantenimento dei supporti vitali con il rischio di cure di accanimento terapeutico, salvaguardando il diritto alla vita della minore – ha aggiunto Pillon -. Stanno arrivando un po’ di interrogazioni su questo tema, è importante nella speranza che qualcuno a Londra si accorga che la strada intrapresa potrebbe essere modificata”.

Continua a leggere

Armenia e Azerbaigian: la pace è possibile

Roma, 7 dic. (askanews) – L’Amministrazione Presidenziale della Repubblica dell’Azerbaigian e l’Ufficio del Primo Ministro della Repubblica d’Armenia hanno rilasciato una dichiarazione congiunta a favore di un reciproco impegno per la pace. "La Repubblica di Armenia e...

Innovazione, Finazzo (Edenred): scelta lavoro su offerta welfare

Roma, 7 dic. (askanews) - "Come azienda siamo particolarmente attenti alle esigenze dei giovani e dai dati del nostro osservatorio relativo ad un campione di circa 4000 aziende clienti emerge che circa il 50% dei giovani sceglie il...

Meloni: in Europa con lo stesso perimetro di centrodestra

Roma, 7 dic. (askanews) – Il centrodestra dovrebbe stare in Europa "con il perimetro che già conosciamo in Italia, un perimetro di centrodestra". Dopo le tensioni all’interno del governo e della maggioranza sulle europee e all’indomani dell’incontro ‘chiarificatore’...