HomeVideo NewsLibri, a Milano...

Libri, a Milano Bettanini presenta "L'icona di San Pietroburgo"

Roma, 8 nov. (askanews) – Alla Libreria della Natura di Milano Antonio Bettanini ha

presentato il suo terzo romanzo, “L’Icona di San Pietroburgo”-Il

Canneto Genova 2023. Con lui, c’erano Livia Pomodoro, Presidente

dello Spazio Teatro No’hma, Giannino della Frattina, capo

cronista di Il Giornale e l’attore Marco Carniti, che ha letto

alcuni brani.

Bettanini ha parlato del protagonista del suo libro, Brando

Costa, che, dopo aver attraversato gli anni delle stragi di

mafia, dell’attacco terroristico al cuore dell’Europa, vive

infine dello scollamento tra Russia e Nato, ha, ora, come sfondo,

la crisi georgiana, tra complotti, intrighi e tacite alleanze che

attraversano una relazione, quella tra Russia e Italia, destinata

a conoscere le prime frizioni, dopo la decisione di dar vita ad

un fronte comune antiterrorismo (celebrata nel 2002, in Italia,

a Pratica di Mare con il protocollo Russia-Nato).

I relatori hanno parlato delle vere protagoniste di questo

romanzo, le donne. Beate, la professoressa, una combattente che

fa della seduzione un’arma letale contro il crimine organizzato,

mentre di Galya, la sua assistente, Bettanini ci consegna un

ritratto partecipato e attento all’universo del femminile e alla

sua sensibilit.

“L’Icona di San Pietroburgo” accompagna e affascina il lettore

anche nella scelta dei luoghi, narrati e descritti con dovizia di

particolari. La scomparsa di una professoressa italiana mandata

dal nostro Ministro degli Esteri a dirigere una sezione della

Dante Alighieri e improvvisamente sparita, a Mosca , in

circostanze misteriose accompagna il lettore, lasciandolo sospeso

e in cerca di possibili soluzioni tra complotti, intrighi e

attentati, in un ideale ponte che collega realt e finzione. Come

in un sogno la mia mente si era da subito rifugiata in questa

particolare storia russa. Era bastato che lui, Marco Varallo,

sillabasse: “dossier-Russia”. E che neppure l’avesse ancora

formalmente evocata che io – molto pi che una premonizione – mi

sono detto: “non pu che essere cos”. E ora gli sto andando

incontro, tirando dritto per la strada di quei ricordi”, cos

Bettanini, che ha attraversato le istituzioni italiane della

Prima, Seconda e Terza Repubblica, dalla Presidenza del Consiglio

alla Presidenza del Senato, lavorando anche presso la Commissione

Europea.

Continua a leggere

Usa, Harris: "In nessun caso trasferimento forzato dei palestinesi"

Milano, 2 dic. (askanews) – La vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha dichiarato che "in nessuna circostanza gli Stati Uniti permetteranno il trasferimento forzato dei palestinesi", secondo una dichiarazione diffusa dalla Casa Bianca. Harris ha ribadito...

M.O., Israele accusa Hamas: donne a bambini ancora tra ostaggi

Milano, 2 dic. (askanews) – Scambio di accuse a distanza tra Israele e Hamas, sulla presenza o meno di donne e bambini ancora tra gli ostaggi nella mani del gruppo di militanti palestinesi. Il tutto nel giorno in...

Schlein a Crosetto: indipendenza magistratura è base democrazia

Roma, 2 dic. (askanews) – "Il ministro Crosetto, ieri, anziché ritirare le sue gravi affermazioni, ha rincarato la dose leggendo in aula alcune dichiarazioni che il segretario di Magistratura Democratica aveva reso durante un incontro pubblico a Palermo,...