Min. interni Gb: su diritto asilo convenzione Ginevra ‘obsoleta’

Roma, 27 set. (askanews) – Il ministro dell’Interno britannico Suella Braverman, che ha fatto della lotta all’immigrazione clandestina una delle priorità della sua politica, sotto la guida del primo ministro Rishi Sunak, ha tenuto martedì 26 settembre un discorso all’American Enterprise Institute sulla crisi dei rifugiati in Europa. Di fronte a questo think tank neoconservatore, i cui membri esercitavano una grande influenza sulla politica degli Stati Uniti sotto l’amministrazione di George Bush, Suella Braverman ha osservato che il diritto d’asilo è stato notevolmente distorto dalla sua istituzione all’indomani della Seconda Guerra Mondiale e che la Convenzione di Ginevra è ormai obsoleta, innescando polemiche nel Regno Unito e non solo. Dura la replica dell’alto commissario Onu per i rifugiati Filippo Grandi. Il problema, ha detto Grandi, “non è riformare o interpretare la Convenzione di Ginevra in senso più restrittivo, ma applicarla con più scrupolo”.

Dopo aver descritto la situazione di crisi che vive da diversi giorni l’Italia, di fronte al massiccio arrivo di immigrati clandestini sull’isola di Lampedusa, Suella Braverman ha stimato che il fenomeno non potrà che aumentare nei prossimi anni. L’economia e la demografia sono, secondo lei, i due maggiori determinanti dell’equilibrio del mondo odierno, ed entrambe spingeranno un numero sempre crescente di persone a intraprendere rotte migratorie.

Il ministro dell’Interno britannico ha poi spiegato diffusamente il suo punto di vista sulla distinzione, secondo lei necessaria, che i paesi occidentali devono operare tra i rifugiati che possono legittimamente rivendicare il diritto di asilo, e gli altri migranti che sperano solo in una vita migliore di quella che è promesso loro nel paese d’origine. “Volere asilo o volere condizioni di vita migliori non è la stessa cosa! ha insistito. Cercare rifugio nel primo paese sicuro che raggiungi o fare shopping per scegliere la meta che preferisci non è la stessa cosa! Essere vittima della tratta, essere stato trasportato contro la propria volontà o venduto come schiavo sessuale, o pagare i trafficanti per essere portato in un paese sviluppato, non è la stessa cosa!

Suella Braverman ha poi sviluppato l’idea che il diritto internazionale relativo ai richiedenti asilo “non è più adatto ai nostri tempi”, ritenendo che “la crescita di questo diritto crea incentivi molto forti per l’immigrazione clandestina”. Ricordando che lo status di rifugiato è stato introdotto nel diritto internazionale umanitario dalla Convenzione di Ginevra del 1951, ha dichiarato: “queste disposizioni sono state create dopo la Seconda Guerra Mondiale per consentire alle persone di fuggire dalle persecuzioni e dall’olocausto, e hanno rappresentato un incredibile passo avanti per il tempo!”

Ma Suella Braverman ha anche chiarito che la Convenzione di Ginevra è stata concepita inizialmente per applicarsi “all’interno dell’Europa”. E che “70 anni dopo, viviamo in un mondo completamente diverso”. Secondo lei, la definizione giuridica di rifugiato è troppo flessibile e crea confusione. Ha citato la Convenzione di Ginevra, che intende così proteggere chiunque fugga dal proprio Paese perché “teme di essere perseguitato a causa della sua razza, della sua religione, della sua nazionalità, della sua appartenenza ad un certo gruppo sociale o delle sue opinioni politiche.

“Si è verificato uno spostamento, per effetto dell’interpretazione fornita dalla giurisprudenza da allora, dalla nozione di persecuzione verso qualcosa che è più simile alla discriminazione. E un secondo spostamento, dall’idea di paura certa verso solo paura probabile o plausibile” analizza Suella Braverman. “Quindi sempre più persone possono oggi avere diritto allo status di rifugiato”.

Il ministro britannico ha aggiunto: “Sarò molto chiaro, ci sono vaste parti del mondo dove è estremamente difficile essere omosessuali o essere donna. E quando le persone sono perseguitate, è giusto che offriamo loro rifugio. Ma il nostro sistema di asilo non è sostenibile a lungo termine se, infatti, il semplice fatto di essere omosessuale o di essere donna e di temere discriminazioni nel proprio Paese di origine è sufficiente per beneficiare di una protezione.”

Come era prevedibile, i commenti di Suella Braverman hanno scatenato una cascata di proteste, a cominciare da quella dell’Alto Commissariato Onu per i rifugiati, che ha risposto con un comunicato stampa al ministro. L’Alto Commissario Filippo Grandi ha scritto al relatore: “l’urgenza non è riformare o interpretare la Convenzione di Ginevra in senso più restrittivo, ma applicarla con più scrupolo”.

Ma è stata più specificamente la frase di Suella Braverman sui gay a innescare il problema. Il cantante britannico Elton John si è indignato in un messaggio pubblicato su Instagram. Si è detto “molto preoccupato per le dichiarazioni” del ministro. “ignorare il pericolo reale affrontato dalle comunità LGBTQ+ rischia di legittimare ulteriormente l’odio e la violenza contro di loro”, ha aggiunto il musicista in questa dichiarazione co-firmata dal marito David Furllong e dalla Elton Fondazione John Aids.

Anche l’opposizione laburista ha criticato la ministra, tramite la deputata Yvette Cooper, che l’ha accusata di aver “rinunciato a riparare il caos provocato dai conservatori” sul diritto d’asilo e di cercare, con la Convenzione di Ginevra, “qualcun altro da incolpare”.