Nasrallah (Hezbollah): Israele vuole sottomettere i popoli della regione

Roma, 11 nov. (askanews) – “Non si tratta solo di vendetta, è un’aggressione per raggiungere obiettivi, il principale dei quelli è la sottomissione dei palestinesi, dei libanesi, dei popoli della regione”: è quanto ha detto oggi il leader del gruppo libanese Hezbollah, Hassan Nasrallah, riguardo all’operazione militare lanciata da Israele nella Striscia di Gaza dopo l’attacco del 7 ottobre del gruppo palestinese Hamas.

Nasrallah sta tenendo il suo secondo discorso dall’inizio del conflitto, in occasione della “giornata dei martiri”. “Il nemico vuole spezzare la volontà di rivendicare diritti legittimi e vuole promuovere la cultura della resa e, attraverso i suoi crimini a Gaza, vuole dire a tutti i palestinesi di dimenticare la loro terra e i loro luoghi sacri”, ha aggiunto Nasrallah.

Il leader Hezbollah ha rimarcato come dal 7 ottobre scorso la Striscia di Gaza sia “vittima senza sosta di aggressioni e crimini atroci e quello che è strano è che tra i crimini di aggressione ci siano gli attacchi aperti agli ospedali con deboli scuse”.