HomeTopNewsRoma Film Music...

Roma Film Music Festival torna dal 30 settembre, le novità

Roma, 1 set. (askanews) – Bugs Bunny, Daffy Duck e Willy il Coyote come non li avete mai sentiti, in un rincorrersi di battute, musica e suoni che in questa combinazione arriva per la prima volta in Europa ed è al centro della festa più pazza dell’anno. Jack Sparrow e la sua ciurma all’arrembaggio in esclusiva per l’Italia. Sul grande schermo le immagini e sul palco una grande orchestra che esegue dal vivo le musiche dei film in perfetto sincrono con le immagini. Ancora, un vero regalo per gli appassionati: tre solisti di fama internazionale salgono sul palco per svelare la magia nei capolavori di John Williams.

  Questi i primi appuntamenti annunciati dal Roma Film Music Festival all’Auditorium della Conciliazione di Roma, il primo evento internazionale in Italia dedicato alle colonne sonore e ai loro protagonisti torna per la sua seconda edizione dal 30 settembre al’8 ottobre nella Capitale. Apre la manifestazione la grande festa per famiglie “Bugs Bunny at the Symphony” sabato 30 settembre (ore 19) e domenica 1 ottobre (ore 15); mentre “Pirati dei Caraibi. La Maledizione della Prima Luna – In concerto” sbarca venerdì 6 ottobre (ore 20,30) e sabato 7 ottobre (due repliche alle 15 e alle 20,30). Due titoli iconici e celebri in tutto il mondo, firmati rispettivamente da Warner Bros e Disney, per festeggiare insieme e con il giusto ritmo i 100 anni della fondazione dei colossi dell’intrattenimento. Gli spettacolari contenuti visivi saranno sonorizzati dal vivo grazie all’Orchestra Italiana del Cinema: oltre 80 elementi in sala eseguiranno in perfetto sincrono con le immagini le colonne sonore dei film. Bacchette d’eccezione sul podio: il Maestro George Daugherty per il coniglio più scaltro dei cartoni animati e il Maestro Ludwig Wicki per la ciurma di Jack Sparrow-Johnny Depp. Domenica 1 ottobre (ore 20,30) è la volta de “Il Meraviglioso Mondo di John Williams”: un concerto per raccontare l’avventura artistica di un gigante che ha saputo conquistare ben cinque premi Oscar (e 53 nomination).

Ed è solo l’inizio. Il Festival – che l’anno scorso ha intercettato la passione di oltre 10.000 spettatori con “Star Wars A New Hope In Concert” e ha portato sul palco tra gli altri Franco Micalizzi (premiato per la carriera), Mario Biondi e Amii Stewart – annuncerà nei prossimi giorni un programma con incontri, masterclass, e premiazioni. Protagonisti: compositori, musicisti, registri e produttori. Appassionati e addetti ai lavori sono chiamati a raccontare e svelare il mondo delle colonne sonore che rendono il nostro cinema così magico. Guidato dalla direzione artistica di Marco Patrignani, il festival è ideato e prodotto dai Forum Studios, i leggendari studi di registrazione fondati da Ennio Morricone, Armando Trovajoli, Piero Piccioni e Luis Bacalov. Gli stessi studi dov’è nata l’Orchestra Italiana del Cinema e che recentemente hanno donato al parco Archeologico del Colosseo, attraverso una raccolta fondi, il nuovo ascensore panoramico per consentire anche alle persone con difficoltà motorie di raggiungere la vista mozzafiato dell’Anfiteatro Flavio. Il festival è realizzato con il patrocinio e il contributo del Ministero della Cultura – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo; il patrocinio di: Comune di Roma Assessorato Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda; Nuovo Imaie e Anec; con la collaborazione di ACMF (Associazione Compositori Musica per Film). Main Sponsor del Festival è Unipol Gruppo. Mobility partner: Mooney Go; Hospitality partner: Radisson Roma; Media partner: RDS.

“Bugs Bunny at the Symphony” è l’evento di apertura del festival targato Warner Bros.  Ogni età ha la sua colonna sonora: per questo il Festival quest’anno parte con un regalo pensato per i più piccoli e per le loro famiglie: una grande festa nel foyer dell’Auditorium Conciliazione con animatori, personaggi Looney Tunes, musica e soprattutto la straordinaria partecipazione dei maestri d’orchestra che “giocheranno alla musica” con i piccoli ospiti, chiamati a diventare esecutori con gli strumenti più vari (età consigliata tra i 6 e gli 11 anni).  Finita la festa (l’inizio è previsto un’ora prima dello spettacolo), si entra in sala per godere di una prima europea che atterra in Italia dopo aver fatto il giro del mondo a colpi di sold out per ben tre decenni con le più grandi orchestre e nelle più prestigiose sale da concerto, dalla New York Philharmonic alla Sydney Opera House passando per la Royal Philharmonic.

Bugs Bunny e Daffy Duck, Silvestro e Titti sono gli intramontabili protagonisti di questo spettacolo che in ogni Paese ha saputo conquistare tanto i più piccoli quanto gli adulti, in un sorprendente show adatto ad ogni età, che non a caso ha fatto scrivere al Los Angeles Times: “Vedere questo show all’Hollywood Bowl è uno dei motivi per cui vale la pena vivere in questa città”. L’Orchestra Italiana del Cinema è diretta all’Auditorium della Conciliazione dal leggendario Maestro George Daugherty (un Emmy conquistato nel ’96 e una collezione di altre 5 nomination), ideatore del format insieme a David Ka Lik Wong. Ad accompagnare il pubblico tra inseguimenti e trabocchetti, esilaranti battute e geniali tranelli, ecco eseguite dal vivo e in perfetto sincrono le colonne sonore di Carl Stalling e Milt Franklyn, ispirate ai grandi capolavori della musica classica. Da Richard Wagner al “Barbiere di Siviglia” di Rossini, passando per J. Strauss, Liszt, Tchaikovsky, Mendelssohn, Ponchielli o Donizetti (solo per citarne alcuni), l’astuto coniglio e compagnia sapranno avvicinare con grazia e simpatia i più giovani ai capolavori della musica sinfonica.

“Pirati dei Caraibi – La maledizione della Prima Luna In Concerto” è l’anteprima per festeggiare i 100 anni della Walt Disney. Il primo capitolo della saga interpretata da Johnny Depp sbarca per la prima volta in Italia con l’intero film proiettato in alta definizione su grande schermo e la travolgente colonna sonora eseguita in sincrono con le immagini dagli oltre 80 musicisti dell’Orchestra Italiana del Cinema diretti dal Maestro Ludwig Wicki, autentica autorità riconosciuta in tutto il mondo tra i migliori interpreti del genere. Sono trascorsi esattamente 20 anni da quando, nel 2003, nei cinema del pianeta approdarono le avventure dello strampalato pirata che ha cambiato per sempre il genere, fondendo avventura e magia agli indimenticabili temi musicali composti da Klaus Badelt e Hans Zimmer. “Il Meraviglioso Mondo di John Williams” è un piccolo miracolo: il flauto di Sara Andon, il pianoforte di Simone Pedroni e il violoncello di Cecilia Tsan accompagneranno metaforicamente il pubblico nello studio del più grande autore vivente di colonne sonore. Da “Star Wars” a “Hook. Capitan Uncino”, da “Schindler’s List” a “Dracula”, fino a “Memorie di una Geisha”, “Sabrina”, Jane Eyre” (e molti altri), i suoi capolavori verranno riletti in una chiave sonora delicatissima, per un concerto da camera dove flauto, pianoforte e violoncello si intrecciano in trame sonore inedite. La grande avventura artistica di John Williams rivive sul palco in un prezioso concerto che nessun appassionato della grande musica (non solo per il cinema) può lasciarsi sfuggire. Perché – come ci ricorda Steven Spielberg – “Senza John Williams le biciclette non volano”.

Continua a leggere

Napolitano, notizia scomparsa fa il giro del mondo in pochi minuti

Milano, 22 set. (askanews) – La notizia della morte di Giorgio Napolitano fa il giro del mondo in pochi minuti, e dalla Cina all’America, sono molti i quotidiani e i media che pubblicano la sua biografia o un...

Mattarella: Napolitano garante dei valori, votato alle istanze dei lavoratori

Roma, 22 set. (askanews) – La morte di Giorgio Napolitano "mi addolora profondamente e, mentre esprimo alla sua memoria i sentimenti più intensi di gratitudine della Repubblica, rivolgo ai familiari il cordoglio dell’intera nazione". Lo dichiara il presidente...

Napolitano, addio a "Re Giorgio", primo (e unico) ex Pci a guida Repubblica

Roma, 22 set. (askanews) – E’ stato il primo – e finora unico – presidente della Repubblica ex comunista, il primo ad essere rieletto per un secondo mandato, il più anziano al momento dell’elezione al Colle, il primo...