HomePoliticaFrancesco Cossiga, il...

Francesco Cossiga, il Picconatore della Repubblica, 13 anni dopo.

Con il senno del poi, forse aveva anticipato ciò che si andava delineando all’orizzonte della cittadella politica. O meglio, lo aveva anticipato o lo aveva provocato con le sue “picconate” quotidiane?

Sono passati 13 anni dalla scomparsa di Francesco Cossiga, uno dei personaggi più rappresentativi della prima repubblica e certamente tra i più discussi e misteriosi. Con la indubbia premessa, però, che parliamo di un leader politico, di un qualificato uomo di governo e di un esponente di primo piano dello Stato. E lo dice il suo vasto, ricco e poliedrico curriculum politico, culturale ed istituzionale.

Ora, al di là delle varie fasi che hanno scandito la vita politica ed istituzionale di Cossiga, forse è possibile sottolineare almeno due aspetti che l’hanno quasi sempre accompagnato nella sua intensa e e turbolenta vita pubblica.

Innanzitutto Cossiga è stato, a volte forse anche inconsapevolmente, un “anticipatore” di ciò che attraversava la società italiana con cui occorreva, bene o male, fare i conti. Lo è stato anche all’interno del confronto politico nel suo partito, la Democrazia Cristiana. Faceva parte della corrente della sinistra di Base anche se non è mai stato un esponente influente negli equilibri interni. Si è sempre contraddistinto più come uomo delle istituzioni che non come un esponente politico fortemente caratterizzato nel partito. Insomma, per capirci e per fare un solo paragone con un altro grande leader di quel partito Carlo Donat-Cattin, Cossiga non è mai stato un capo corrente o un uomo che si ritagliava uno spazio pubblico in quanto espressione di un parte della Dc. No, Cossiga è sempre stato un interlocutore politico di primo piano a livello nazionale ma partendo sempre dal versante istituzionale più che non da quello politico e partitico. Anche su questo fronte, quindi, è stato un democristiano “anomalo”. Un po’ come un altro grande leader istituzionale e non politico/partitico come Oscar Luigi Scalfaro.

In secondo luogo Francesco Cossiga lo potremmo anche definire un “anticonformista costituzionale”. Certo, resteranno per molti un mistero – seppur politico e non di fede – le sue ormai celebri e famose “picconante” sul finire della sua esperienza di Presidente della Repubblica. Un atteggiamento che lo allontanò anche dal “comune sentire” con il suo vecchio partito di appartenenza e con molti altri esponenti politici di quella convulsa e travagliata fase politica del nostro paese. Eppure, con il senno del poi, forse Cossiga aveva anticipato – anche quella volta – ciò che si andava delineando all’orizzonte della cittadella politica italiana. O meglio, lo aveva anticipato o lo aveva provocato con le sue “picconate” quotidiane? Resta, questa, una domanda a cui difficilmente si riesce ancora a dare un risposta compiuta.

Comunque sia, e al di là dei giudizi che si possono dare sul suo magistero civile, politico ed istituzionale, resta un punto che non si può mettere banalmente in discussione: ovvero, Francesco Cossiga faceva parte di quella classe dirigente che è riuscita, con difficoltà ma con tenacia, a salvaguardare la qualità della nostra democrazia e la credibilità delle nostre istituzioni democratiche. Seppur con sensibilità e approcci profondamente diversi rispetto ad altri grandi leader e statisti della Democrazia Cristiana.

Continua a leggere

Donat-Cattin, la proporzionale e il destino dei cattolici popolari.

Ho concluso in questi giorni l’ultimo mio libro dal titolo “La sinistra sociale”. Una esperienza, quella della sinistra sociale cattolica, straordinaria non solo per la sua cinquantennale presenza nella Democrazia Cristiana ma anche, e soprattutto, per la sua capacità...

La crisi della politica e la via giudiziaria al potere

La cosiddetta “via giudiziaria al potere” è una prassi talmente vecchia e antica che non merita neanche di essere approfondita. Una prassi ben nota e collaudata nella sinistra ex e post comunista che risale agli inizi degli anni ‘70...

Il populismo contraddice malamente una potenziale alternativa di governo

L’alleanza con le forze populiste - e quindi demagogiche, anti politiche, qualunquiste e pauperiste - non è compatibile con i partiti e i movimenti politici che fanno della cifra riformista, democratica e di governo la loro ragion d’essere. Fuor...