HomeAttualitàIl verticalismo inganna...

Il verticalismo inganna sugli effetti di accelerazione a riguardo dell’unità del Centro

Serve un pensiero culturale capace di coniugare l'umanesimo cristiano e laico, quindi un metodo di lavoro che sia uno strumento di miglioramento della vita civile, da mettere a disposizione della comunità.

Per superare il bi-populismo, basterà mettere insieme le classi dirigenti dei partiti di Centro? A questa domanda, personalmente, risponderò sempre in modo negativo. Basta anteporre il “nuovo” a parole del Novecento? Non credo (la domanda è stata posta in più occasioni da D’Ubaldo).

Il neonato progetto politico “centrale” necessita di un pensiero politico solido e condiviso. Ci vorrà tempo e tanta pazienza, ma i percorsi condivisi dal basso sono sempre a medio-lungo termine. Quello di cui non abbiamo bisogno è l’ennesima operazione verticale, mettere insieme il leader dei liberali, quello dei riformisti e quello dei popolari, ha senso per una competizione elettorale inaspettata, ma per un solido progetto culturale e politico serve altro.

Abbiamo bisogno di trovare il modo, la forma e un nuovo pensiero culturale e politico, per unire le tre culture politiche del “Centro”: il liberalismo, il popolarismo e il riformismo. Un esempio di mediazione, citato da Giuseppe Sangiorgi in un recente dibattito pubblico, è l’articolo 3 della Costituzione: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

In questo mio breve articolo vorrei avanzare una proposta di lavoro condiviso. Avviamo il percorso partendo da cinque parole e da quattro riferimenti ideali:

-Libertà, emancipazione, solidarietà, responsabilità e partecipazione; -Europerismo, Costituzione, persona e ambiente, economia sociale di mercato e dottrina sociale cristiana. 5 concetti e 4 riferimenti da sviluppare e promuovere insieme, all’interno di un nuovo pensiero culturale e politico: l’Umanesimo Civile 5.0.

Definizioni:

Umanesimo (dizionario online) è qualsiasi concezione che riconosce la centralità dell’uomo nella realtà, o che intende rivendicarne i diritti, l’esigenza di libertà e la dignità individuale.

Civile (Oxford Languages and Google) concerne la comunità organizzata, specialmente sul piano dei rapporti tra i membri che la compongono. Rivolto a coltivare o illustrare le virtù che formano il vero cittadino e conquistano o mantengono il buon governo.

5.0 (UniverseIT) e quindi Società 5.0 cerca di bilanciare lo sviluppo economico con la risoluzione di problemi sociali e ambientali. Non si limita al settore manifatturiero, ma affronta sfide sociali più ampie basate sullintegrazione di spazi fisici e virtuali.

Dobbiamo, con umiltà ma tanta determinazione, approfondire e attualizzare il pensiero dell’Umanesimo Civile, rendendolo 5.0. Un pensiero culturale capace di coniugare l’umanesimo cristiano e laico, un metodo di lavoro che sia uno strumento di miglioramento della vita civile, con lo scopo di mettere la propria cultura, i talenti di ognuno e le competenze acquisite, a disposizione della comunità, con la consapevolezza che il saperese non condiviso con gli altri e per il bene comune, può solo soddisfare il proprio ego.

Camminiamo insieme

Continua a leggere

Centro Euro Umanista, una lista nel solco di Draghi.

Il 25 settembre 2022, più di 2 milioni di italiani (7,8%) hanno votato per la lista unitaria del cosiddetto Terzo Polo. Un risultato incoraggiante, che tutti noi centristi abbiamo colto come un ottimo punto di partenza. Poi ci siamo...

Il futuro è all’orizzonte e sollecita la nostra partecipazione

Quanti saranno gli italiani residenti? Quali lavori faremo? Chi pagherà le pensioni? Chi si prenderà cura degli anziani? Quale sarà la temperatura della terra? Come sarà la democrazia? Le risposte a queste domande sono già scritte, almeno in parte,...

Unire i Popolari? Missione possibile.

Armando Dicone Sembrava una "Mission Impossible", ma invece è possibile. Unire i Popolari di Centro non è più solo un'idea romantica, ma è finalmente realtà politica. Dopo trent'anni, si sono messe da parte le vecchie appartenenze e le convinzioni personali...